QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un ministro israeliano chiede la coscrizione araba davanti alla Corte Suprema

Un ministro israeliano chiede la coscrizione araba davanti alla Corte Suprema

Un ministro israeliano ha chiesto alla Corte Suprema del paese di imporre il servizio militare obbligatorio ai cittadini arabi.

Lo ha fatto per protestare contro una sentenza del tribunale secondo cui gli ebrei ultraortodossi devono prestare servizio nell'esercito.

Il ministro della Cooperazione regionale Dodi Amsalem ha accusato i giudici di “ipocrisia” e “odio verso l’ebraismo”. Ha detto che anche gli arabi, che costituiscono il 21% della popolazione, dovrebbero contribuire allo Stato. Ha sottolineato che la legge in realtà richiede il servizio militare per gli arabi, ma nella pratica non viene applicata.

La questione del reclutamento suscita divisioni nella coalizione di governo, con alcuni partiti che minacciano di dimettersi se verranno convocati gli studenti ultraortodossi. Sostengono che dovrebbero dedicarsi allo studio della Torah e che lo Stato dovrebbe sostenerli in questa materia.

Questa controversia si inserisce nel contesto del genocidio a lungo termine nella Striscia di Gaza, che è costato la vita a più di 33.000 palestinesi. Israele ha lanciato un attacco militare contro l’enclave costiera palestinese, assediata da ottobre.

La settimana scorsa, la Corte Suprema israeliana ha ordinato la sospensione del sostegno governativo alle scuole per gli uomini ultraortodossi idonei al servizio militare. La Corte ha concesso al governo tempo fino al 1° aprile per presentare un nuovo piano e fino al 30 giugno per approvarlo.

La Corte ha stabilito che l’attuale accordo, che esonera gli ebrei ultraortodossi dal servizio militare, è discriminatorio e incostituzionale. La Corte ha affermato che tutti i cittadini, indipendentemente dal loro credo religioso, dovrebbero essere trattati allo stesso modo.

La sentenza ha scatenato le violente reazioni dei partiti ultraortodossi, che svolgono un ruolo importante nella coalizione del primo ministro Benjamin Netanyahu. Consideravano la sentenza una violazione dei loro diritti religiosi e una minaccia al loro modo di vivere.

READ  La NATO lavora al più grande piano di difesa degli ultimi decenni: "Siamo pronti a combattere stanotte" | Guerra Ucraina e Russia

Il ministro Amsalem, membro del partito di estrema destra Likud di Netanyahu, ha detto che voleva che la sua petizione alla corte dimostrasse che i giudici stavano applicando un doppio standard. Ha detto che voleva vedere come la corte avrebbe risposto alla sua richiesta di reclutare arabi.

Gli arabi, la maggior parte dei quali sono musulmani, hanno un rapporto complesso con lo stato israeliano dell’apartheid. Possiedono la cittadinanza israeliana, ma sono soggetti a discriminazione ed emarginazione. Per lo più simpatizzano con la causa palestinese e si oppongono all’occupazione israeliana della Cisgiordania e della Striscia di Gaza.

La maggior parte degli arabi sono esentati dal servizio militare, anche se alcuni di loro prestano servizio volontariamente nell'esercito di occupazione o nel servizio nazionale. Secondo il Ministro Amsalem, agli arabi dovrebbero essere concessi più diritti e doveri nella società israeliana.

Il genocidio nella Striscia di Gaza ha aumentato le tensioni tra ebrei e arabi israeliani. Secondo le Nazioni Unite, l’attacco israeliano ha portato allo sfollamento interno dell’85% della popolazione di Gaza a causa di una grave carenza di cibo, acqua pulita e medicine. Inoltre, il 60% delle infrastrutture dell'enclave sono state danneggiate o distrutte.

Israele è accusato davanti alla Corte internazionale di giustizia dell’Aia di aver commesso un genocidio e di non essere riuscito a prevenire la carestia a Gaza. Giovedì la Corte ha chiesto a Israele di compiere maggiori sforzi per alleviare la crisi umanitaria nella Striscia di Gaza. Israele ha respinto queste accuse e ha accusato la corte di parzialità.