QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un nuovo algoritmo può diagnosticare le allergie nei bambini

L’algoritmo sembra essere in grado di rilevare le allergie non solo nei bambini europei, ma anche in altre popolazioni. L’algoritmo è stato sviluppato durante la ricerca condotta dall’UMCG, dall’Università di medicina di Hannover (MHH) e dalla società di intelligenza artificiale (AI) MIcompany. La ricerca è stata recentemente pubblicata su Nature Communications e contribuisce a una migliore comprensione di queste malattie complesse e offre opportunità per diagnosi innovative in futuro.

Le allergie influenzano la qualità della vita

Le malattie allergiche, come l’asma, l’eczema o la febbre da fieno, sono malattie infantili molto comuni in tutto il mondo che gravano pesantemente sulla qualità della vita dei pazienti e sul sistema sanitario. Il numero di pazienti con queste malattie è aumentato rapidamente negli ultimi 50 anni. I ricercatori prevedono che entro il 2030 metà della popolazione europea soffrirà di malattie allergiche. Sebbene sia noto che i fattori genetici e ambientali giocano un ruolo importante nel suo sviluppo, i meccanismi esatti sono ancora sconosciuti. Di conseguenza, rimane una malattia cronica per la quale attualmente non esiste una cura permanente.

La diagnosi nei bambini piccoli è complessa

È necessario prevedere il rischio di sviluppare malattie allergiche, specialmente nei bambini in età prescolare. È difficile diagnosticare le allergie in questi bambini. il professore. “I bambini piccoli hanno spesso malattie di breve durata in cui i sintomi possono assomigliare a una condizione allergica, ad esempio attacchi di respiro corto o frequenti raffreddori”, spiega il dottor Gerard Koppelmann, pneumologo pediatrico presso l’UMCG e promotore del progetto. .”

Tre marcatori del DNA nelle cellule nasali determinano la sensibilità

Nell’ultimo decennio, le nuove tecnologie hanno raddoppiato la quantità di conoscenza sul DNA umano ogni sette mesi. Questa conoscenza offre molte nuove intuizioni sulle malattie. GRIAC (Groningen Research Institute for Asthma and Chronic Obstructive Pulmonary Disease) contiene dati sul DNA di cellule del sangue e nasali dei partecipanti al National Birth Cohort Prevenzione dell’asma e dell’allergia agli acari e la sua comparsa (Byama). In questo gruppo, i partecipanti sono stati seguiti dalla nascita nel 1996/1997 e hanno condiviso i loro dati sanitari. Analizzando ampiamente questi dati sul DNA, i ricercatori hanno trovato tre marcatori del DNA nelle cellule nasali che erano cruciali per lo sviluppo di malattie allergiche. Sono stati anche in grado di dimostrare che questi tre marcatori del DNA sono associati a una risposta infiammatoria nelle cellule del naso. Sulla base di questi tre marcatori del DNA, l’algoritmo sviluppato può calcolare un punteggio di rischio per un disturbo allergico e utilizzarlo per fare una diagnosi.

READ  Preoccupazioni per l'epidemia di influenza aviaria "straordinaria".

Prelievo di sangue contro tampone nasale

Vari metodi sono ora spesso usati per diagnosticare le malattie allergiche nei bambini. Il test della funzionalità polmonare viene solitamente eseguito nell’asma, ma spesso non è possibile nei bambini più piccoli (fino a 6 anni di età), quindi il medico deve formulare la diagnosi sulla base di sintomi specifici, come mancanza di respiro e respiro sibilante. Per identificare la febbre da fieno, oltre a controllare i sintomi noti come il comune raffreddore e il naso che cola, viene eseguito anche un esame del sangue o un test cutaneo. L’analisi del sangue in particolare è quella che può essere considerata fastidiosa per i bambini (piccoli). Per rendere la diagnosi pediatrica più amichevole ed efficace, Kopelman vuole sviluppare un test del tampone nasale basato sui tre marcatori del DNA identificati nello studio attuale.

L’algoritmo funziona bene in diverse popolazioni

L’algoritmo funziona bene anche per i bambini appartenenti a gruppi di popolazione non europei. L’algoritmo ha diagnosticato con precisione la malattia allergica in una coorte portoricana indipendente. Ciò indica che l’algoritmo sta effettivamente raccogliendo segnali biologici comuni trovati in altri gruppi etnici. Questa revisione esterna è il gold standard nella ricerca medica per verificare se i risultati sono affidabili. L’attuale algoritmo è stato sviluppato per i sedicenni. Di conseguenza, i ricercatori hanno scoperto che l’algoritmo era meno accurato in due gruppi con bambini di appena 6 anni. Koppelman: “Sebbene questa scoperta sia un importante passo avanti nell’applicazione dell’intelligenza artificiale per la diagnosi delle allergie, in futuro dovremo adattare il nostro algoritmo per un gruppo di età più giovane”. In futuro, Koppelman vuole utilizzare l’algoritmo per diagnosticare le allergie nei bambini piccoli tramite un tampone nasale.

READ  Il Dijklander Hospital si concentra su cibo sano e pasti vegetariani

Scritto da: Manuale di assistenza nazionale