QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un nuovo trattamento per l’epilessia può essere utile anche per altre malattie

Nei Paesi Bassi ci sono circa 130.000 pazienti con epilessia cronica. Attualmente non esiste un trattamento per alcune di queste persone. Circa il trenta e il quaranta per cento non rispondono ai farmaci e spesso non è possibile un intervento chirurgico. I ricercatori e i medici del Mastro Radiotherapy Center, del Kempinhagian Epilepsy Center e dell’UMC+ di Maastricht ora credono che la microradiazione potrebbe essere una soluzione per loro.

In autunno inizieranno la ricerca in collaborazione con l’Epilepsy Center Sen, UMC Amsterdam e UMC Utrecht.

qualità della vita

dice Albert Colon, MD, neurologo e neurofisiologo clinico presso ACE Kempenhaeghe. e Maastricht UMC+.

Nello studio, metà dei pazienti è stata trattata con farmaci regolari, mentre l’altra metà ha ricevuto micro-radiazioni. “Ci aspettiamo che alcuni pazienti affetti da epilessia saranno in grado di ottenere quella che viene chiamata libertà dalle crisi con questo trattamento. In modo che non abbiano più crisi epilettiche. Pensiamo anche che alcuni saranno completamente guariti”, dice Colon a EditieNL.

Anche la qualità della vita è determinata dopo l’esame. “Perché questo è, ovviamente, il nostro obiettivo principale: una buona qualità della vita”.

più accurato

Danielle Akers, radioterapista di Maastro, spiega come funziona il trattamento: “Sono raggi X ad alta energia. Li chiamiamo fotoni. A volte li paragono a fasci di energia. Quei fasci entrano in un lato del corpo e nell’altro lato del corpo. Altri. Escono dall’altra parte. “All’interno del corpo rilasciano energia. Se mandi molti di questi pacchetti di energia, ad esempio, in un tumore, puoi distruggerlo. “

Ma ci sono anche dei rischi per questo trattamento. Poiché i pazienti si muovono molto, c’è un margine di uno o due millimetri attorno all’area irradiata, che può anche danneggiare i tessuti sani. Dal momento che i ricercatori hanno ricevuto supporto, possono acquistare un nuovo dispositivo più accurato. “Vuoi che venga trasmesso il più accuratamente possibile, specialmente nel cervello, e questo è possibile con questo dispositivo”, afferma Akers. Anche gli effetti collaterali come mal di testa e danni ai tessuti sani sono più limitati.

READ  Quasi la metà degli assistenti medici ha a che fare con persone aggressive che richiedono quotidianamente vaccini

Tanto da imparare

Attualmente sono in corso ricerche per verificare se le microradiazioni possano essere efficaci anche, ad esempio, nei disturbi psichiatrici, come il disturbo ossessivo-compulsivo. “Di solito, il chirurgo fa un piccolo taglio nel cervello, ma non tutti possono eseguire questa operazione”. I ricercatori stanno anche studiando se le radiazioni possono aiutare le aritmie.

“Chissà cos’altro potrebbe tornare utile. Non escludo nulla. C’è ancora molto da imparare.”