QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un passeggero porta il suo amico in tribunale

Un passeggero porta il suo amico in tribunale

Una passeggera ha intentato una causa contro il suo ragazzo dopo che non l’ha accompagnata all’aeroporto.

Il neozelandese parteciperà ad un concerto con alcuni amici. Ha concordato con il suo ragazzo di portarla all’aeroporto. Il suo ragazzo ha acconsentito e ha accettato anche di badare ai suoi due cani. La donna gli aveva mandato un messaggio il giorno prima dicendogli che doveva essere prelevata tra le 10:00 e le 10:15 ora locale. Quando arrivò il momento di pagare, l’uomo fallì.

Questa negligenza non è stata ben accolta dalla passeggera, soprattutto perché non è riuscita a raggiungere l’aeroporto in tempo. Ha perso il volo e ha dovuto comprare un nuovo biglietto aereo. Inoltre, ha dovuto sostenere ulteriori spese di viaggio, organizzare una navetta per l’aeroporto e imbarcare temporaneamente i suoi cani da qualche parte.

Davanti al giudice

Per questo motivo la passeggera ha portato in corteggiamento il fidanzato, con il quale stava da sei anni e mezzo. Ha detto che “l’ha fatto esplodere intenzionalmente” e che l’accordo verbale era “legalmente valido”. Il giudice però non è stato d’accordo. “Partner, amici e colleghi stipulano accordi sociali, ma è improbabile che vengano applicati legalmente a meno che entrambe le parti non intraprendano azioni che indichino l’intenzione di mantenere le loro promesse”, ha stabilito il giudice. Guardiano. Il giudice ha sottolineato che la natura delle promesse era “scambiata come un normale dare e avere in una relazione intima” e che non c’era alcuna intenzione. La relazione… non è continuata dopo questo incidente.