QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un paziente con corona che ha più di cinque sintomi nella prima settimana ha maggiori probabilità di contrarre il COVID nei polmoni

Anche una lieve infezione da COVID-19 può portare a disturbi spiacevoli a lungo termine come affaticamento e problemi di concentrazione.

Alcune persone che hanno contratto il coronavirus tra i loro membri hanno lamentele di vecchia data (COVID). Reclami come affaticamento, difficoltà di concentrazione o mancanza di respiro possono a volte persistere per diversi mesi. Tuttavia, ci sono ancora molte domande sull’insorgenza della malattia polmonare da Covid. Ad esempio, chi ha maggiori probabilità di svilupparlo? E quante volte succede esattamente?

COVID lungo
I reclami che possono verificarsi nelle persone con COVID sono molto diversi. La fatica, la difficoltà di concentrazione e la mancanza di respiro sono menzionate più frequentemente, sebbene una persona possa anche provare dolore al petto, dolori muscolari, mal di testa, palpitazioni, agitazione persistente, perdita prolungata dell’olfatto o soffrire di depressione o dimenticanza. Alcuni di questi disturbi persistono per lungo tempo – a volte fino a sette mesi – anche se la loro gravità può diminuire nel tempo.

Cinque sintomi
In un nuovo studio pubblicato su Giornale della Royal Society of MedicineNello studio, i ricercatori hanno deciso di scoprire chi è più a rischio di contrarre il COVID nel polmone. Il team ha scoperto che i pazienti con coronavirus che hanno mostrato più di cinque sintomi di COVID nella prima settimana erano i più a rischio, indipendentemente dall’età o dal sesso.

lievi lamentele
Secondo una ricerca olandese, non importa quanto gravemente una persona sia infettata dal coronavirus. Anche lievi disturbi possono portare a COVID nel polmone. Più del 95 percento dei 1.741 partecipanti allo studio RIVM LongCOVID che hanno indicato di avere reclami post-coronavirus di lunga data hanno sviluppato una lieve infezione da COVID. Solo il cinque percento dei partecipanti che hanno continuato a soffrire a lungo è stato ricoverato in ospedale con COVID-19.

READ  Dopo la corona, un fungo mortale e aggressivo è ora prevalente in India

frequente
Sfortunatamente, la malattia polmonare da Covid è comune. Secondo un rapporto, quasi un terzo delle persone che hanno avuto un’infezione da lieve a moderata con COVID-19 riferisce di avere ancora lamentele a lungo termine dopo sette mesi. Ricerca svizzera. Ciò indica che molte persone impiegano molto tempo per riprendersi completamente dall’infezione da corona.

Bassa qualità della vita
Nel complesso, questi studi mostrano che un’infezione da corona può avere un impatto negativo in seguito per molto tempo, con tutte le conseguenze che possono derivarne. “Questo può portare a un persistente deterioramento della qualità della vita, della salute mentale e dei problemi di lavoro”, ha affermato il leader dello studio Olalekan Lee Aiyegbusi. Tuttavia, questo argomento è relativamente sottoesposto. “Le persone con il virus polmonare COVID generalmente si sentono abbandonate”, continua Egbosi. Spesso ricevono consigli limitati o contraddittori. Più di un terzo dei pazienti in uno dei nostri studi ha riferito di sentirsi ancora male dopo otto settimane o di trovarsi in condizioni peggiori rispetto all’inizio dell’infezione da corona».

Migliore notifica
Secondo i ricercatori, è importante che questo cambi. Ad esempio, i pazienti con corona dovrebbero essere meglio consapevoli dei potenziali effetti a lungo termine. Inoltre, i medici dovrebbero continuare a monitorare gli ex pazienti con coronavirus. “L’ampia gamma di sintomi e potenziali complicazioni sperimentate dai pazienti con COVID-19 polmonare evidenzia la necessità di una comprensione più profonda del decorso clinico della condizione”, ha affermato la ricercatrice Melanie Calvert. “C’è un urgente bisogno di modelli di cura migliori e più integrati per aiutare i pazienti con coronavirus polmonare”.

Sebbene gli studi forniscano informazioni sulla malattia polmonare COVID-19, siamo lontani da lì. “I meccanismi biologici e il motivo per cui alcune persone sono più suscettibili alle infezioni non sono ancora chiari”, ha affermato il ricercatore dello studio Shamil Haroun. Questo rende difficile sviluppare trattamenti efficaci. Quindi è imperativo che ci muoviamo rapidamente per affrontare questi problemi”.

READ  "85% in meno di ricoveri ospedalieri e morti" - De Daily Standaard