QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un uomo autistico fa causa al supermercato per non aver permesso di entrare al supermercato con la sua gatta Chloe

© Shutterstock

Un uomo autistico ha citato in giudizio un supermercato londinese per non aver potuto entrare con il suo gatto. Per lui è come un cane, dice: assolutamente necessario per tenere sotto controllo le sue condizioni.

Aiuta la gatta Chloe a fare la storia. Il suo proprietario, Ian Finn, ha citato in giudizio la catena di supermercati Sainsbury perché non accetta di non poter portare Chloe al negozio nel sud di Londra. Fenn ha l’autismo e ha addestrato un gatto nero a sostenerlo in molti modi. Avere Chloe intorno gli impedisce di essere sovrastimolato, motivo per cui sente che dovrebbero essere visti come un cane di servizio o un’altra risorsa per una persona disabile. “Dà struttura alla mia vita, mi sveglia al mattino e mi dice quando dormire. Mi sento davvero come una squadra”.

Durante quella visita al supermercato a marzo, a Finn è stato chiesto di tenere fuori il suo gatto. Un cane guida è consentito, ma un gatto no. Mentre molti ospedali, negozi e hotel non vedono alcun problema con Chloe. Ecco perché sottopone la società al tribunale. “Vogliamo certamente essere inclusivi”, ha affermato un portavoce di Sainsbury in una dichiarazione. Guardiano† “Ma la sicurezza è la nostra massima priorità e abbiamo anche standard igienici che dobbiamo soddisfare. Stiamo lavorando con le autorità sanitarie locali per vedere se c’è un modo per coinvolgere il signor Finn senza compromettere i nostri valori”.

READ  La mummia "esaurita" dell'antico Egitto svela i suoi segreti | Scienza