QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Una dieta vegana sana è una questione di delicato equilibrio

Man mano che le nostre abitudini alimentari si evolvono e sempre più persone scelgono di limitare il consumo di prodotti animali o di sostituirli completamente con prodotti vegani, il Comprehensive Health Care Committee ha pubblicato ampi consigli per i consumatori e gli operatori sanitari interessati al vegetarianismo.

Il professor Daniel Brasor del Center for Comprehensive Health Care spiega che “una dieta vegetariana, anche nella sua forma più varia, può soddisfare le esigenze nutrizionali di diversi gruppi di popolazione”. “Tuttavia, la complessità varia notevolmente a seconda del tipo di impianto scelto e delle fasi di vita coinvolte”.

Il rapporto contiene informazioni pratiche e consigli per garantire una dieta completa e fornisce strumenti per ridurre o evitare i rischi esistenti. La consulenza si concentra anche sui settori più sensibili della popolazione.

Rischio di carenza

Esistono diverse forme di diete a base vegetale. Ad esempio, i vegetariani escluderanno una serie di alimenti di origine animale. Con una dieta vegetariana, vengono consumati solo prodotti vegetali. “Una dieta vegetariana varia può fornire tutti i nutrienti necessari durante tutto il ciclo di vita. Tuttavia, poiché si evitano più gruppi di alimenti, aumenta il rischio di carenza e aumenta l’esposizione a sostanze indesiderate”, sottolinea Brasor, presidente del gruppo di lavoro. Secondo lui, è particolarmente dannoso per neonati, bambini piccoli e adolescenti durante la gravidanza e l’allattamento e per gli anziani.

Se la scelta della dieta è limitata, il corpo è più a rischio di carenza parziale o completa di una serie di importanti nutrienti, secondo SHC, gli scienziati indicano alcune proteine, acidi grassi omega-3, minerali e oligoelementi come calcio, ferro , zinco, iodio e / o vitamine come la B12. E D.

Differire e gruppo

“Per compensare, è meglio scegliere quante più varianti e buone combinazioni possibili”, afferma Brasor. Si consiglia ai consumatori di mangiare spesso legumi (compresa la soia), ad esempio, semi oleosi, cereali integrali, uova arricchite con omega-3, olio di canola o di noci e latticini o prodotti alimentari fortificati.

READ  Prima terapia genica per la SMA: uno sviluppo promettente