QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Una donna britannica che può sentire l’odore del morbo di Parkinson aiuta a sviluppare il test

Nella fase di ricerca iniziale, il test si è rivelato accurato nel 95% dei casi. La fase successiva è che sarà testato sul campo su persone che potrebbero avere il morbo di Parkinson. In caso di successo, sarà il primo test per diagnosticare il morbo di Parkinson. Ora la diagnosi viene fatta sulla base dei sintomi.

tre minuti

Secondo gli scienziati, il nuovo test funziona in modo molto semplice: un batuffolo di cotone viene passato lungo il collo del paziente e in tre minuti diventa chiaro se ha il morbo di Parkinson.

Cos’è il morbo di Parkinson?

Secondo la Parkinson’s Disease Society, ci sono circa 63.500 persone con la malattia di Parkinson nei Paesi Bassi, sia uomini che donne. Nei pazienti con questa malattia, le cellule nervose nel cervello muoiono. Di conseguenza, viene prodotta meno dopamina, la sostanza con cui parti del cervello comunicano tra loro, dando comandi al corpo.

Pertanto, i segnali non vengono trasmessi bene nelle persone con malattia di Parkinson. Di conseguenza, devono pensare molto ai loro movimenti, che diventano logicamente più lenti. I pazienti sperimentano anche tremori, rigidità muscolare e una “maschera facciale” (una faccia priva di espressioni). Ma sono comuni anche mancanza di iniziativa, difficoltà di parola, problemi di sonno, problemi di pensiero e disturbi dell’umore.

La malattia è progressiva e incurabile. Tuttavia, ci sono trattamenti che possono rallentare il processo della malattia, come farmaci e terapie.

fonte: Associazione Parkinson

Torna indietro nel tempo, al momento in cui – a quanto pare – Joy Milne, 72 anni, ha sentito per la prima volta l’odore del morbo di Parkinson. Era con suo marito Lis, che all’epoca aveva 33 anni. Sentivo l’odore di un cambiamento nel suo corpo, specialmente nel collo e nelle spalle. “Aria muschiata”, l’ha definita lei stessa secondo L’emittente britannica Sky News.

READ  40 anni di HIV nei Paesi Bassi: 'Non avevamo idea di cosa avessimo a che fare' | Salute

diagnosticare

Non ci ha studiato molto, fino a dodici anni dopo, a Les è stato diagnosticato il morbo di Parkinson e è andato con lui in un gruppo di pari. Tutti quelli con il morbo di Parkinson avevano lo stesso – secondo lei sgradevole – odore del mio.

Quando gli scienziati dell’Università di Manchester hanno appreso della sua sorprendente osservazione, le hanno chiesto di collaborare. Volevano sapere da dove provenisse questo odore e se potesse svolgere un ruolo nel fare una diagnosi.

l’odore delle magliette

Ma prima, secondo Sky News, volevano assicurarsi che Milne potesse annusare se qualcuno avesse il morbo di Parkinson. Ecco perché le hanno lasciato annusare le magliette delle persone con o senza il Parkinson. Milne ha rimosso tutti i pazienti di Parkinson, ma anche una persona dal gruppo che pensava non avesse la malattia. Non molto tempo dopo, questa persona è andata dal dottore con un reclamo e otto mesi dopo che Milne aveva scelto la maglietta di quella persona, gli è stata diagnosticata.

Era il 2012, tre anni prima che Liz morisse di malattia. Nel 2019, i ricercatori hanno avuto un indizio: hanno scoperto che il morbo di Parkinson provoca pochissimi cambiamenti nel grasso dei pazienti. Hanno sviluppato un test che rende facile rilevare questo cambiamento. Sperano di poter utilizzare questo test per le persone nell’area di Manchester entro due anni. Se funziona, può essere utilizzato anche in altri luoghi.

“Incredibilmente importante”

James Jopling, direttore scozzese della Parkinson’s Association for Parkinson’s Disease nel Regno Unito, afferma che questa scoperta potrebbe fare una grande differenza per le persone con la malattia. “Non ci sono test ora, quindi le persone devono aspettare mesi o anni prima di fare una diagnosi”, dice. Contro l’emittente britannica BBC. “Il fatto che questo test possa fornire loro immediatamente il trattamento e il supporto di cui hanno bisogno e che i ricercatori possano utilizzare questi risultati per ricercare nuovi approcci terapeutici è molto importante”.

READ  Un uomo muore di virus Monkey B in Cina e il virus del vaiolo delle scimmie ora compare negli Stati Uniti dopo Regno Unito, Israele e Singapore

Milne crede anche che la diagnosi precoce di suo marito non avrebbe potuto fare molta differenza per lei e la sua famiglia. “Avremmo trascorso più tempo insieme”, ha detto alla BBC. “Avremmo viaggiato di più. Forse abbiamo capito da dove vengono gli sbalzi d’umore e la depressione di Liz.”

Il fatto che la fase di sviluppo del test di Parkinson sia finita non significa che Milne e il suo naso stiano andando in pensione. Ha già viaggiato in Tanzania e negli Stati Uniti per vedere se riesce a sentire l’odore della tubercolosi e del cancro.