QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Una donna di 26 anni è stata arrestata per aver aggredito un blogger militare in Russia: ha fatto lei il “regalo” mortale?

Una donna di 26 anni è stata arrestata per aver aggredito un blogger militare in Russia: ha fatto lei il “regalo” mortale?

In Russia, il sospettato dell’attentato al noto blogger di guerra Vladlen Taraske è stato identificato e arrestato lunedì. Lo ha annunciato il comitato investigativo della Federazione Russa.

Il blogger di guerra Vladlen Tatarsky, 40 anni, che aveva più di 560.000 follower su Telegram, è stato ucciso domenica quando una bomba è esplosa in un caffè di San Pietroburgo. Secondo i media russi, ha regalato una statua durante una conferenza e al suo interno era nascosta una bomba. Circa 32 persone sono rimaste ferite nell’attacco.

Lunedì mattina, il ministero dell’Interno russo ha dichiarato che la donna di 26 anni, Daria Trepova, era sospettata dell’attacco. La donna è stata inserita nella lista dei ricercati e sua madre e sua sorella sono state interrogate. Lo riferisce l’agenzia di stampa statale Interfax. Poco dopo è arrivata la notizia che la donna era stata arrestata. L’agenzia di stampa statale TASS ha riferito che Trepova sarebbe stata cittadina russa ed era stata arrestata in passato per aver protestato contro la guerra in Ucraina.

Le riprese video che appaiono qua e là mostrano come una donna entra nel bar con una scatola. Presumibilmente, si trattava di Trepova che ha portato la statua che trasportava esplosivi al caffè. Stava per consegnarlo all’uomo che c’era in lei. Lo mise su un tavolo accanto a lui, seguito da un’esplosione.

La Russia sta indagando sul caso, descrivendolo come un “omicidio di alto profilo” e un atto di terrorismo. Il comitato antiterrorismo russo punta il dito contro l’intelligence ucraina e afferma di aver ricevuto aiuto dai sostenitori del Fondo anticorruzione, il movimento del leader dell’opposizione russa Alexei Navalny.

READ  Un canale televisivo attaccato durante le proteste contro le misure Corona a Cipro fuori dal paese

Leggi anche. Un noto blogger militare russo è rimasto ucciso in un’esplosione in un famoso bar di San Pietroburgo (sgg)