QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Una grave violazione dei dati nella società olandese di test Corona con il sito…

A causa di una massiccia violazione dei dati in una società di test olandese, è stato possibile per tutti ottenere biglietti falsi e accedere all’app olandese CoronaCheck. Sono trapelati anche i dati privati ​​di oltre 60.000 persone che hanno subito un test corona in questa azienda. Lo ha rivelato domenica una ricerca del programma di notizie olandese RTL News.

I dati sono stati violati da Testcoronanu, una società di test con dieci siti nei Paesi Bassi e tre in Belgio, affiliata all’iniziativa olandese Testenvoorjereis.nl. Quindi non solo il governo olandese consiglia all’azienda di fare il test, ma è anche supportato dal denaro delle tasse. La violazione dei dati ha permesso a chiunque di navigare nel database della società di test e aggiungere facilmente il test negativo inserendo due righe di codice nel browser.

Nei Paesi Bassi, ora sorge la domanda su quanto sia realmente affidabile CoronaCheck. “Ogni forma di affidabilità è ora completamente scomparsa”, afferma il professore di microbiologia Bert Nesters dell’University Medical Center Groningen.

L’azienda era già stata chiusa da CoronaCheck domenica. Il sito web della società ha dichiarato che tutti i siti rimarranno chiusi domenica “a causa di circostanze impreviste”. Inoltre, non è possibile fissare un nuovo appuntamento il lunedì e si consiglia di effettuare una prenotazione con un altro fornitore di test.

I siti belgi non sono nel circuito dei test di pagamento

I tre siti Testcoronanu in Belgio si trovano a Emiel Vloorsstraat ad Anversa, a Oude-Bruglaan a Lokeren ea Koningin Astridlaan a Mechelen. Sono comunque chiusi la domenica.

Una portavoce di Karen Moykens, presidente del comitato intersindacale per i test e il tracciamento, afferma che l’azienda non fa parte del circuito dei test compensati del Belgio. Quindi non vengono effettuati test gratuiti lì, ad esempio in caso di sintomi o viaggi. Quindi l’effetto sarebbe comunque molto limitato, se presente. Non siamo ancora a conoscenza di fughe di dati o privacy che potrebbero essere state violate, nemmeno di vittime civili, afferma la portavoce Lisbeth Vanhoodt.

READ  "Offerte speciali per tutti i passeggeri"