QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Una grotta funeraria “molto rara” durante il regno di Ramses II è stata trovata casualmente in Israele

© AFP

Gli archeologi israeliani hanno riferito oggi, domenica, della scoperta di una grotta funeraria risalente all’era del faraone egiziano Ramses II, piena di dozzine di ceramiche e pezzi di rame. L’Autorità israeliana per le antichità parla di una scoperta “estremamente rara”.

tessitorefonte: BELGA

La grotta è stata scoperta per caso su una spiaggia vicino a Tel Aviv martedì, quando un escavatore si è schiantato contro il tetto di quella che si è rivelata una grotta artificiale. Gli archeologi sono scesi nella grotta con una scala. Un video pubblicato mostra sconcertanti archeologi che accendono le loro lampade su dozzine di pezzi di ceramica, di varie forme e dimensioni.

In particolare nella grotta sono stati rinvenuti numerosi piatti, alcuni dipinti di rosso, altri con immagini, oltre a coppe, utensili da cucina, utensili per la conservazione, lampade, frecce e punte di lancia di bronzo, risalenti al regno di Ramses II, morto nel 1213 aC.. Le ceramiche provengono da Cipro, Libano, Siria settentrionale, Gaza e Giaffa, tra gli altri paesi, indicando una “vivace attività commerciale avvenuta lungo la costa” nella tarda età del bronzo, affermano gli archeologi.

© AFP

I manufatti erano offerte funerarie per accompagnare il defunto nel loro ultimo viaggio nell’aldilà e sono stati trovati intatti da quando furono collocati lì circa 3.300 anni fa. Nella grotta è stato trovato almeno uno scheletro relativamente intatto.

La grotta è ora chiusa e custodita fino a quando non c’è un piano per uno scavo completo. L’organizzazione ha deciso di istituire una sorveglianza quando è diventato evidente che “alcuni oggetti” erano già stati saccheggiati nel breve periodo tra la scoperta e la chiusura.

READ  Un diplomatico americano sistema l'uomo che ha ucciso in Gran Bretagna | All'estero