QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Una migliore qualità dell’aria riduce il rischio di demenza

Migliorare la qualità dell’aria riduce il rischio di demenza negli anziani. Ciò è dimostrato da vari studi presentati questa settimana a una conferenza internazionale sul morbo di Alzheimer.

Ricerche precedenti hanno suggerito un legame tra l’inquinamento atmosferico e l’accumulo di placche cerebrali associate al morbo di Alzheimer. Nuovi studi mostrano che il miglioramento della qualità dell’aria può portare a un minor rischio di demenza, in particolare il morbo di Alzheimer.

Particelle e azoto

Ad esempio, i ricercatori statunitensi hanno scoperto che l’inquinamento atmosferico da particolato e azoto è migliorato in modo significativo in diverse regioni degli Stati Uniti. Sono stati in grado di dimostrare che un miglioramento del 10 percento ha ridotto il rischio di demenza nelle donne americane di età compresa tra 74 e 92 anni dal 14 al 26 percento.I ricercatori tra settemila anziani francesi sono giunti a una conclusione simile: una diminuzione delle concentrazioni di particolato tra il 1990 e il 2000 ha comportato un rischio di demenza inferiore del 15% e un rischio inferiore del 17% di malattia di Alzheimer.

fogli

Un terzo studio su 3.000 americani ha mostrato un forte legame tra l’esposizione all’inquinamento atmosferico e la produzione di proteine ​​che sono il componente principale delle placche cerebrali. “Sappiamo da tempo che l’inquinamento atmosferico è dannoso per il nostro cervello e la nostra salute generale, compreso il suo legame con l’accumulo di amiloide nel cervello”, ha affermato Claire Sexton, direttore scientifico dell’Alzheimer’s Association of America. Ma questi dati sono promettenti perché mostrano che il miglioramento della qualità dell’aria può effettivamente ridurre il rischio di demenza. Illustra l’importanza delle politiche e delle misure adottate dai governi e dalle società federali e locali per ridurre gli inquinanti atmosferici.

READ  Gummers sulle preoccupazioni per la pressione provvisoria: il rilassamento non porterà a un culmine | proprio adesso

Ricerche precedenti hanno suggerito un legame tra l’inquinamento atmosferico e l’accumulo di placche cerebrali associate al morbo di Alzheimer. Nuovi studi mostrano che il miglioramento della qualità dell’aria può portare a un minor rischio di demenza, in particolare il morbo di Alzheimer, ad esempio, ricercatori americani hanno scoperto che l’inquinamento atmosferico da particolato e azoto è migliorato significativamente in diverse regioni degli Stati Uniti. Sono stati in grado di dimostrare che un miglioramento del 10% ha ridotto il rischio di demenza nelle donne americane di età compresa tra 74 e 92 anni dal 14 al 26%. I ricercatori di 7.000 anziani francesi sono giunti a una conclusione simile: una diminuzione delle concentrazioni di particolato tra il 1990 e il 2000 ha ridotto il rischio di demenza del 15% e il rischio di Alzheimer del 17%. Un terzo studio su 3.000 americani ha mostrato una forte associazione tra l’esposizione all’inquinamento atmosferico e la produzione di proteine ​​che sono il componente principale delle placche cerebrali. “Sappiamo da tempo che l’inquinamento atmosferico è dannoso per il nostro cervello e la nostra salute generale, compreso il suo legame con l’accumulo di amiloide nel cervello”, ha affermato Claire Sexton, direttore scientifico dell’Alzheimer’s Association of America. Ma questi dati sono promettenti perché mostrano che il miglioramento della qualità dell’aria può effettivamente ridurre il rischio di demenza. Illustra l’importanza delle politiche e delle misure adottate dai governi e dalle società federali e locali per ridurre gli inquinanti atmosferici.