QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Una ragazza (17) galleggia in mare per 22 giorni senza cibo e 56 passeggeri sono morti: “una fossa comune in mare” | all’estero

Alla fine di aprile, tre passeggeri sono stati salvati da una barca sotto l’isola spagnola di Vero, bloccata in mare senza cibo per più di tre settimane. I restanti 56 passeggeri sono morti a causa della disidratazione. Per quanto si sa, questa è la più grande tragedia di barche di migranti nelle Isole Canarie. Era una fossa comune in mezzo al mare “.




La piccola barca si è spostata per circa 500 chilometri sotto l’isola spagnola di Vero, il punto più a sud-ovest delle Isole Canarie. Quando l’aviazione spagnola ha indicato la barca, è stato immediatamente inviato un elicottero per vedere se c’erano sopravvissuti. “Quando siamo scesi, abbiamo visto che non era vero”, dice un partecipante. Rapporto video della BBC. “Allora ogni genere di cose ti passa per la testa. Devi essere molto concentrato in questa fase per far uscire i sopravvissuti.”

Il personale dell’aviazione ha trovato decine di passeggeri, tre dei quali sono ancora vivi. Erano in cattive condizioni fisiche e sperimentavano sintomi di disidratazione, tra le altre cose. Uno di loro è Aisha, 17 anni, del paese dell’Africa occidentale della Costa d’Avorio. Racconta la sua storia all’emittente britannica con passione.

maniglia

Dopo due giorni sulla barca il cibo e le bevande finirono. Anche il quarto giorno abbiamo finito il carburante. C’erano uomini sulla nave che non potevano più stare in piedi e urlavano di fame. Abbiamo usato le scarpe per dare loro dell’acqua di mare. Alla fine non abbiamo avuto la forza di gettare un corpo in acqua. “Nel momento in cui ha visto avvicinarsi l’elicottero, Aisha ha detto di essere scoppiata in lacrime. Tre settimane dopo il suo salvataggio, la ragazza si era completamente ripresa ed è stata posta con un famiglia affidataria.

READ  L'amministrazione Trump ha sequestrato i dati ai democratici

L’aeronautica militare spagnola si sta ora preparando per un’altra operazione di salvataggio. “Sfortunatamente, ci sono altre missioni come questa in arrivo. Ma anche la nostra squadra di soccorso è stata organizzata per questo”, spiega una delle persone coinvolte. Se si vede come un eroe? “No, sto solo facendo il mio lavoro. Gli eroi appartengono ai fumetti.”

Il dramma incontra l’immigrato di Putin

La tragedia è avvenuta anche su una nave di migranti in Libia alla fine di aprile. Una barca con circa 130 persone si è capovolta al largo delle coste del Paese. Si dice che siano state viste dozzine di corpi nell’area in cui la nave si è capovolta.

Una settimana fa, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati e l’Organizzazione internazionale per le migrazioni hanno riferito che almeno 41 persone, compreso un bambino, erano morte dopo che una barca che trasportava migranti africani è affondata al largo delle coste tunisine.

Finora quest’anno almeno 450 migranti sono stati uccisi nel Mediterraneo. La maggior parte di loro ha cercato di raggiungere l’Europa dalla Libia o dalla Tunisia.