QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Una relazione di andata e di ritorno che ha richiesto tempo: la storia 100 volte di Romelu Lukaku ai Red Devils | diavoli Rossi

Mai stato noioso una volta. Dal suo debutto con i Red Devils, il 28enne Romelu Lukaku ha influenzato l’intera nazione. Dopo 99 presenze, l’attaccante è diventato un’icona e un capocannoniere, ma non lo ha mai toccato. Uno sguardo al rapporto speciale tra Big Rom e la nazionale belga.

Tina Turner. Robbie Williams. Celine Dion.

Al lussuoso Conrad Hotel in Avenue Louise a Bruxelles, erano delle superstar. Ma il 1 marzo 2010, i dipendenti della locanda sono rimasti sorpresi quando Romelu Lukaku ha tenuto la sua prima conferenza stampa come Red Devil. La stanza a strisce esplode per le cuciture per l’attaccante 16enne.

Rockstar Romelu.

In quel momento, il Belgio era già in piedi grazie alla sua prestazione record ad Anderlecht. Quindi ha senso che Dick Advocaat lo scelga per la partita di allenamento contro la Croazia. Con la maglia numero 9, Lukaku parte subito dalla formazione titolare, in segno di fiducia su cui può contare. Tuttavia, non è riuscito a segnare nella sua prima partita. Oh, ce ne saranno altri…

Lukaku durante la sua prima conferenza stampa con i demoni. Al suo fianco c’è anche Peter Vandenbett.

re di croazia

Dopo 8 mesi il segnapunti inizia a correre. A Godbetert Voronezh, in Russia, Lukaku ha segnato il suo primo gol per i Red Devils. La partita è indimenticabile solo per questo traguardo. In effetti, questo è stato l’intero viaggio.

Con un Tupolev fatiscente, la nostra squadra nazionale raggiunge a malapena l’aeroporto di Mosca, a 500 chilometri dalla destinazione originale. Due settimane dopo, l’aereo in questione RA-85744 si è schiantato a Mosca.

Il contrasto con la carriera di Lukaku non potrebbe essere maggiore. I numeri dell’attaccante sono in aumento e sta capitalizzando la sua prestazione sognando un passaggio al Chelsea.

Titularis non c’è e non con la Nazionale ancora per molto. Mark Wilmots di solito preferisce Christian Benteke.

Ma nelle qualificazioni cruciali per la Coppa del Mondo 2014 in Croazia, Lukaku ha avuto la sua occasione. Li afferrò con entrambe le mani mandando il Belgio in un torneo importante per la prima volta in 12 anni con due colpi.

Il primo momento iconico di Lukaku Demons.

Lukaku festeggia la qualificazione ai Mondiali in Brasile.

In cerca di fiducia

Un’altra foto bruciata nella retina: la foto con Kevin De Bruyne contro gli Stati Uniti. Nell’eroico duello, Lukaku gioca un ruolo cruciale come sostituto con un gol e un passaggio (metà).

Quel momento offusca solo il fatto che la Coppa del Mondo in Brasile è stata in realtà una delusione per Lukaku.

Inizialmente perde il posto a favore del White Blackbird Divock Origi dopo due partite del girone a reti inviolate. Quando viene sostituito contro la Russia, il numero 9 rifiuta la mano di Wilmots. Nei quarti di finale contro l’Argentina, Lukaku è partito dalla panchina, un appuntamento mancato con la storia.

Big Room non ha fiducia nella nazionale. I Benteke e gli Origi tecnicamente più avanzati sembrano avere più credito. E Batshuayi è anche affascinante come super sottomarino.

Inoltre, c’è clamore intorno al rapporto tra Lukaku e i tifosi belgi. Spesso mostrano chiaramente la loro insoddisfazione per la perdita di un assegno o di un’opportunità da parte dell’attaccante. In un’intervista del 2015, Lukaku ha toccato con attenzione l’argomento per la prima volta: “In Inghilterra provo molto rispetto e soggezione. In Belgio è tutto un po’ meno”.

libri di storia

Gli scettici forniscono a Lukaku carburante aggiuntivo. Sindrome di Michael Jordan: hanno bisogno di soldi per spingersi a nuove vette.

Ai Campionati Europei 2016, Lukaku è stato per la prima volta il campione indiscusso dei Demoni. Un anno dopo, è diventato il miglior giocatore della storia della nazionale con il suo 31esimo gol. Lukaku aveva ancora solo 24 anni all’epoca.

E alla Coppa del Mondo 2018 in Russia, Lukaku scrive più storia del calcio belga. Decisivo nella fase a gironi con 4 reti, poi fondamentale nelle partite del patrimonio storico contro Giappone e Brasile.

Solo che, in fondo, qualcosa era in agguato per tutto il tempo con il rispettato Lukaku. Dopo la Coppa del Mondo di bronzo, ha sparato alcune bombe intorno alla squadra nazionale in conversazioni con i media americani influenti. Ad esempio, ha spiegato a Business Insider che potrebbe smettere di giocare a livello internazionale dopo Euro 2020.

‘fischi dal belgio’

Pochi mesi dopo, seguì un’altra bomba. Sulla piattaforma di calcio OTRO, il tiratore di record annuncia la fonte della sua frustrazione con i Demoni.

Un duello contro l’Estonia nel 2016 ha alimentato un rapporto di amore-odio con i Red Devils.

In un monologo intitolato “Boos From Belgium”, Lukaku racconta le profonde ferite lasciate dal match in questione. “Ho segnato due gol e fornito un assist. Sono stato brillante e abbiamo vinto 8-1. Tuttavia, ci sono stati fischi. Quello è stato uno dei momenti in cui mi sono detto: io e la nazionale saremo sempre amore/odio”.

Gioco per il Belgio ogni volta con un senso di rabbia piuttosto che di orgoglio.

Romelu Lukaku

Lukaku continua: “Quella partita mi ha dato un ‘disgusto’, una sensazione disgustosa”. Gioco per il Belgio ogni volta con un senso di rabbia invece che di orgoglio. Ho detto a mia madre di non assistere più alle partite dei Red Devils, e così ha fatto mio padre”.

Lukaku dopo la consapevole partita internazionale contro l’Estonia.

riconciliazione

Le dichiarazioni non perdono il loro impatto. Improvvisamente, molti fan belgi si sono resi conto che avrebbero potuto professare un po’ troppo il loro amore per Lukaku. Anche i piccoli difetti sono spesso maledetti e gli obiettivi sono dati per scontati.

Nella successiva sfida internazionale contro la Scozia, la testa della spia alza un grande striscione che recita “26 anni, già una leggenda”. Lukaku Ringrazia dopo la partita con un profondo inchino.

La Grande Espiazione.

Dopodiché, l’importanza di Lukaku in nazionale aumenta. All’ultimo Europeo è stato uno dei grandi protagonisti del torneo. Solo l’attaccante si dimentica di premiarsi nei quarti di finale contro l’Italia.

Tuttavia, ci sono poi gli elogi dei fan belgi per Lukaku: le lezioni sono state apprese dagli errori del passato.

I suoi numeri nei Red Devils parlano da soli: 66 gol in 99 partite internazionali. Nessuno lo ha fatto prima di lui nel miglior calcio internazionale. Nemmeno Messi, Ronaldo o Lewandowski.

Stasera Lukaku giocherà la sua 100esima partita internazionale contro la Repubblica Ceca davanti ai propri tifosi.

Il momento perfetto per mostrare un po’ di amore l’uno all’altro.

READ  La domanda: Djokovic, Federer o Nadal? “Al momento è chiaro che Novak è il migliore.” | Tennis