QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un’ex guardia delle forze di sicurezza speciali (100) è stata processata per aver ucciso migliaia di deportati 80 anni dopo l’incidente | All’estero

GermaniaOggi è sotto processo in Germania un uomo di 100 anni, che era una guardia nel campo di concentramento di Sachsenhausen durante la seconda guerra mondiale. L’uomo, Joseph S., è accusato di complicità negli omicidi di oltre 3.500 deportati. Si dice che abbia sparato e ucciso prigionieri con gas velenosi. Il processo inizia almeno 80 anni dopo i fatti.




I pubblici ministeri accusano l’ex guardia delle SS di complicità in almeno 3.518 omicidi tra gennaio 1942 e febbraio 1945. Lo riferisce il tribunale regionale competente di Neuruppin. Secondo le accuse, il centenario tedesco “ha creato mitiosamente condizioni di pericolo di vita” e ha contribuito con le sue azioni a “omicidi crudeli”. Il processo inizia oggi nella città tedesca del carcere di Brandeburgo.

Secondo le autorità tedesche, l’uomo è ancora abbastanza allegro da rispondere in tribunale nonostante la sua età. Tuttavia, la durata delle sessioni giornaliere dovrebbe essere limitata. Ad esempio, l’imputato può essere processato solo per un massimo di tre ore al giorno. Inoltre, il processo è stato spostato da Neuruppin, a nord-ovest di Berlino, nelle vicinanze della sua casa a Brandenburg an der Havel: “Un viaggio più breve significa che c’è più tempo per l’udienza principale”, ha detto un portavoce del tribunale.

campo di concentramento di Sachsenhausen

Tra il 1936 e il 1945, più di 200.000 persone furono deportate nel campo di concentramento di Sachsenhausen nella città tedesca di Oranienburg. Decine di migliaia morirono a causa della fame, delle malattie, dei lavori forzati e delle esecuzioni nelle camere a gas. Ma la violenza sistematica e indiscriminata compiuta dallo “Schutzstaffel” (SS) tedesco nell’ambito del suo programma di sterminio, fece anche molte vittime. Secondo gli esperti, il numero dei morti in quel periodo oscillava tra i 40mila ei 50mila.

READ  Medici preoccupati per la salute di Navalny: l'avversario potrebbe "andare in arresto cardiaco da un momento all'altro" Biden: il destino di Navalny "è molto ingiusto" | all'estero

Il cancello d’ingresso all’ex campo di concentramento di Sachsenhausen. © AFP

I dormitori dell'ex campo di concentramento di Sachsenhausen.

I dormitori dell’ex campo di concentramento di Sachsenhausen. © AFP

“L’operazione arriva troppo tardi.”

Gli avvocati di parte civile, tra cui sette sopravvissuti ai campi di concentramento e nove parenti delle vittime, affermano che la giustizia tedesca avrebbe dovuto agire molto prima. Secondo Thomas Walther, un avvocato, per decenni il sistema giudiziario ha trascurato di affrontare i crimini nazisti.

Anche la difesa dell’imputato, Stephen Waterkamp, ​​ha affermato che il processo è arrivato troppo tardi. Avremmo potuto essere più pace e giustizia se lo avessimo fatto negli anni ’70, ’80 e ’90. Quindi più autori avrebbero potuto essere ritenuti responsabili e ciò avrebbe portato a un trattamento più completo del passato”.