QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un’iniezione di richiamo può essere somministrata “in modo sicuro ed efficace” due volte più velocemente…

Notizie sorprendenti dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA). Ciò indica nei nuovi consigli che i consigli di supporto possono essere dati “in modo sicuro ed efficace” tre mesi dopo la precedente vaccinazione. In precedenza, aveva raccomandato di aspettare almeno sei mesi. Le Fiandre sono in attesa di nuovi consigli dal Consiglio supremo della sanità.

Thierry Goman

“Mentre l’attuale raccomandazione è di somministrare preferibilmente richiami dopo sei mesi, i dati attualmente disponibili mostrano che possono essere somministrati in modo sicuro ed efficace a partire da tre mesi dopo il primo ciclo di vaccinazione”, ha annunciato giovedì sera Marco Cavalieri, responsabile della strategia di vaccinazione. in un.

“Ci stiamo costruendo sulle raccomandazioni del Consiglio Supremo della Sanità. Fino a quando non offriranno nuovi consigli, ci atterremo ai periodi di tempo e ai programmi di vaccinazione attuali”, afferma il ministro della Sanità fiammingo Wouter Beck (CD&V).

Per Johnson & Johnson, questo significa un intervallo di almeno due mesi. Per AstraZeneca ci vogliono almeno quattro mesi e per i vaccini mRNA (Pfizer e Moderna) sei mesi.

Secondo il ministro Beck, le Fiandre sono attualmente in programma e puntiamo ad avere 3,7 milioni di scioperi (su 4,4 milioni di fiamminghi adulti) entro la fine di gennaio.

“Di tutti gli adulti a Fleming che hanno il vaccino di richiamo scaduto, il 90% o 2,1 milioni di persone sono ora invitati a ricevere il terzo vaccino. Ogni settimana, da 300.000 a 400.000 cittadini si uniscono al loro periodo di sospensione. Ma la nostra capacità di punzonatura è alta abbastanza per invitare tutti questi cittadini nella stessa settimana”, sembra.

priorità

Secondo il ministro Beck, le Fiandre stanno facendo tutto il possibile per accelerare ulteriormente la campagna di rinforzo. “L’obiettivo di quest’anno è dare una dose extra a tutte le persone con più di 65 anni, alle persone immunocompromesse, ai residenti in strutture residenziali e a molte persone che sono state vaccinate con Johnson & Johnson. Ciò si riferisce a un totale di circa 2,5 milioni di Fleming. Hanno la priorità perché vediamo che sono quei gruppi che finiscono negli ospedali quando vengono infettati”.

Il terzo sparo sembrò spaventare alcune persone. Solo il 7% di tutti gli invitati non si è presentato e lo 0,24% ha indicato di non volere una dose di richiamo.

READ  Secondo 'Black Saturday' sulle strade europee a causa del traffico festivo: oltre 1.000 km di congestione del traffico in Francia questo pomeriggio viaggia