QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Uno scienziato francese ammette che “l’immagine scattata dal James Webb Telescope” è in realtà una fetta di chorizo ​​| uno sconosciuto

Uno scienziato francese si è scusato dopo aver twittato la foto di una fetta di chorizo, sostenendo che fosse l’immagine di una stella scattata dal telescopio spaziale James Webb.

Etienne Klein, un famoso fisico e direttore della Commissione francese per l’energia atomica e alternativa, ha condiviso una foto della piccante salsiccia spagnola su Twitter la scorsa settimana, elogiando il “livello di dettaglio” fornito.

Immagine di Proxima Centauri, la stella più vicina al Sole, situata a 4,2 anni luce di distanza. È stato catturato dal telescopio spaziale James Webb. Quel livello e così tanti dettagli… ogni giorno viene rivelato un nuovo mondo”, ha detto domenica ai suoi oltre 91.000 follower.


Il post è stato retwittato e commentato da migliaia di utenti, che hanno preso il mondo in parola. Tuttavia, alcuni seguaci hanno dubitato. Klein in seguito ha ammesso in una serie di tweet di follow-up che la foto era in realtà un primo piano di una fetta di chorizo ​​​​su uno sfondo nero. “Secondo la cosmologia contemporanea, non c’è nulla sulla carne lavorata spagnola in nessun’altra parte dell’universo”.

Chiamato dai membri della comunità online per lo scherzo, ha scritto: “Dati alcuni commenti, mi sento in dovere di stabilire che questo tweet che mostra una presunta immagine di Proxima Centauri fosse uno scherzo. Impariamo a diffidare dei personaggi’ messaggi autorevoli e il potere spontaneo di certe immagini.”.

READ  I club studenteschi olandesi annullano la loro vacanza sulla neve dopo il periodo après-ski in ospedale

Mercoledì, Klein si è scusato formalmente per lo scherzo e, nel tentativo di risolverlo, ha pubblicato una foto dell’incredibile galassia Cartwheel, assicurando ai follower che la foto era reale questa volta.

Il Webb Telescope, il telescopio più potente mai lanciato nello spazio, ha ufficialmente iniziato il suo lavoro scientifico il 12 luglio. Potrà vedere l’atmosfera degli esopianeti e vedere alcune delle prime galassie che si sono formate dopo l’inizio dell’universo vedendole nell’infrarosso.