QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Uno squadrone della morte neonazista ha compiuto per anni una marcia omicida attraverso la Germania. Come è potuto succedere?

Nel novembre 2011, si è scoperto che lo squadrone della morte neonazista uccideva da anni la Germania sotto il naso dei servizi di sicurezza. Questa è stata seguita da una ricerca di punti negativi nel sistema tedesco. Dieci anni dopo, lo stato fa un inventario.

Cos’era di nuovo la NSU?

Il Nationalsozialistischeer Untergrund era il nome con cui tre neonazisti hanno ucciso almeno dieci persone a sfondo razziale tra il 2000 e il 2007: otto turchi a caso, un greco-tedesco e una poliziotta di 22 anni. Hanno sparato alle loro vittime a distanza ravvicinata, hanno fotografato i cadaveri e sono scomparsi senza annunciare le loro azioni. Fu la più sanguinosa campagna di uccisioni neonazista nella Germania del dopoguerra e le autorità tedesche non sapevano che dietro di essa c’era l’estrema destra.

Come è diventato pubblico il caso?

Il 4 novembre 2011, Uwe Mondlos e Uwe Bonhart, rispettivamente di 38 e 34 anni, si sono sparati alla testa in una roulotte vicino alla città di Eisenach, nella Germania orientale. Erano in fuga dalla polizia dopo una rapina in banca. Insieme a Beate Zschäpe, ora 46enne e condannata all’ergastolo, Mundlos e Böhnhardt formavano il nucleo della NSU.

Dopo la loro morte, diversi media tedeschi hanno ricevuto un DVD contenente un video di quindici minuti che avrebbe dovuto essere un pamphlet politico. Il video conteneva immagini di vittime senza vita, una spiegazione del pensiero di NSU e una panoramica di articoli di giornale in cui gli omicidi erano attribuiti alla malavita turca. Video orribile modificato con immagini fisse e impostazioni Pantera Rosa.

Come può la NSU fare i suoi affari impunemente in tutti questi anni?

Questa era la grande domanda in quel momento. Dapprima lo choc in Germania per gli omicidi, poi la rabbia per i colpevoli che da tempo non erano stati smascherati, e poi la grande ansia. Non solo i servizi di sicurezza hanno passato anni con il naso al timone dei dipartimenti della NSU, ma i membri di quelle agenzie hanno ostacolato l’indagine giudiziaria dopo che gli omicidi sono diventati noti.

I servizi di sicurezza interna tedeschi avevano una vasta rete di informatori nei circoli di estrema destra, compresi quelli vicini alla NSU. Un ufficiale dell’intelligence del servizio di sicurezza nello stato dell’Assia (la città più grande è Francoforte) era presente in un Internet café quando il proprietario turco-tedesco è stato ucciso lì nel 2006, così come le altre vittime con una pistola con silenziatore.

L’ufficiale dei servizi segreti, Andreas T. , in un primo momento non si è accorto dell’omicidio, quindi ha lasciato l’edificio un po’ prima. Il ministro dell’Interno dello stato dell’Assia è personalmente intervenuto per impedire che le fonti dell’apparato di sicurezza fossero ascoltate davanti al tribunale, in riferimento alla sicurezza dello Stato. Un membro del Federal Homeland Security Service ha distrutto diversi documenti.

Diverse forze di polizia hanno negato le uccisioni di uomini d’affari turchi e tedeschi come atti di violenza della malavita, sebbene non vi sia alcun collegamento tra le vittime e la mafia turca. I media hanno parlato degli “omicidi Doner”. Dal 2006, una grande squadra di polizia ha indagato sugli omicidi sotto il nome di “Bosphorus”. Questa ricerca ha anche preso un po’ sul serio la teoria dell’estrema destra. Inoltre, le rivalità interne e la scarsa comunicazione hanno gravemente ostacolato la cooperazione tra le forze di sicurezza, la polizia federale e le forze statali.

Come hanno reagito i leader politici tedeschi?

Tredici comitati investigativi separati stavano cercando risposte a partire dal 2011. Proprio come studiosi, giornalisti, documentaristi e produttori cinematografici. I servizi tedeschi hanno semplicemente fallito? I neonazisti possono contare sulla simpatia della polizia e dei servizi di sicurezza tedeschi, o addirittura appoggiarli? C’è una sistematica incapacità e riluttanza nell’apparato di sicurezza tedesco a combattere l’estrema destra?

Le indagini hanno portato alle dimissioni di alcuni leader della sicurezza. Le forze di polizia hanno lanciato campagne per instillare i valori costituzionali tedeschi ai loro dipendenti, per imparare a riconoscere presto l’ideologia di estrema destra e non per nascondere i colleghi che ne sono coinvolti. Le agenzie di sicurezza hanno adattato i loro processi analitici ed è probabile che assumano esperti (accademici) esterni.

È stato raggiunto un cambiamento sostenibile?

Questa è la grande domanda ora. Gli ultimi anni hanno dimostrato più e più volte che l’estrema destra in Germania è fiorente e pronta alla violenza mortale. Si può contare sulla simpatia della polizia, dell’esercito e persino dei servizi di sicurezza.

2019: estremista di destra uccide due persone in una moschea nella città di Halle, nella Germania orientale. W: I neonazisti sparano a morte al politico tedesco Walter Lübcke. 2020: estremista di destra uccide otto tedeschi e curdi turchi in due bar con narghilè ad Hanau. Secondo il ministero dell’Interno tedesco, nel 2020 si sono verificati più crimini di estrema destra che in qualsiasi altro anno dal 2001. “La violenza di estrema destra è la più grande minaccia alla sicurezza nel nostro paese”, ha affermato il ministro degli Interni Horst Seehofer.

Allo stesso tempo, sembra regolarmente che l’estrema destra sia profondamente radicata in alcune parti dello stato tedesco. All’inizio di quest’anno, lo stato dell’Assia ha chiuso lo Spezialeinsatzkommando di Francoforte interamente a causa della diffusa simpatia dell’estrema destra. La stessa cosa è successa l’anno scorso con una compagnia del KSK, il comando delle forze armate. Si scopre che un uomo che negli ultimi anni aveva inviato minacce di morte sotto il nome di NSU 2.0 aveva ricevuto indirizzi da un ufficiale di polizia di Francoforte.

READ  La prima sessione plenaria della Conferenza sul futuro dell'Europa senza cittadino | all'estero