QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Uno studio afferma che i cervi infettati dal virus Covid possono ospitare il virus e infettare gli esseri umani

Oltre a salvare vite in questo momento, c’è un altro motivo fondamentale per cui i funzionari della sanità pubblica stanno esercitando pressioni collettive vaccinazione Rallentare la diffusione di COVID-19 è perché più host ha un virus, più è probabile che il virus alla fine muti in qualcosa di più virulento. Questo sembra essere successo almeno due volte finora con SARS-CoV-2: prima con un virus altamente contagioso variabile deltae poi con Anche l’Omicron è la variante più contagiosa

Attualmente, il numero di ospiti umani negli Stati Uniti è in calo per i seguenti motivi: L’onda omicron cade dal suo picco† Se siamo fortunati, potrebbe significare che questa ondata di contagi è finita e il coronavirus continuerà a diffondersi (e mutare) così com’è. endemicoAvrà meno host per farlo.

o quantomeno Umano host. Come sappiamo, SARS-CoV-2 sembra essersi diffuso Pipistrelli e pangolini prima Passa alle persone† Sappiamo anche che il virus si è diffuso nuovamente negli animali, molto probabilmente attraverso l’uomo: canee il i gattie il leone dello zooe il Un gran numero di cervi Sembra essere stato infettato dall’uomo.

Sfortunatamente, la tendenza all’infezione potrebbe ora andare dall’altra parte. un Studi canadesi moderni Solleva la possibilità che i cervi – uno dei grandi mammiferi ampiamente distribuiti in Nord America – possano aver infettato gli esseri umani con COVID-19, la malattia causata da SARS-CoV-2. Potrebbe significare che il virus è circolato nei cervi per un po’ di tempo, a volte moltiplicandosi e mutando lungo il percorso, prima di risalire negli esseri umani.

Imparentato: Da cervi e cani a topi e ratti, il COVID-19 si è diffuso nel mondo animale

READ  MS Sjonnie (45) rinata dopo il trattamento a Mosca: "Il dolore nel mio corpo è sparito" | Almelo

Il nuovo studio fornisce prove che i cervi potrebbero aver infettato gli esseri umani, sebbene ciò non sia stato dimostrato in modo definitivo. Lo studio, condotto da più di due dozzine di scienziati in tutto l’Ontario e pubblicato nel database bioRxiv (non ancora sottoposto a revisione paritaria), ha incluso 300 campioni di cervo dalla coda bianca in Canada durante gli ultimi mesi del 2021. Diciassette sono stati testati. Questi cervi sono risultati positivi al SARS-CoV-2 e provengono tutti dall’Ontario sudoccidentale. Gli scienziati hanno scoperto che lo stesso ceppo SARS-CoV-2, che è molto diverso da altri ceppi conosciuti, era anche molto simile al virus SARS-CoV-2 che ha infettato gli esseri umani. (Era anche strettamente correlato a un ceppo trovato negli esseri umani nel Michigan alla fine del 2020.) Sebbene gli scienziati non possano confermare la trasmissione del virus agli esseri umani da parte dei cervi, sanno che gli esseri umani vivono nella stessa area geografica dei cervi e sono in stretta affinità con i cervi nello stesso momento in cui sono stati raccolti campioni infetti.


Vuoi ricevere più storie di salute e scienza nella tua casella di posta? Iscriviti alla newsletter settimanale del salone mondo volgare


Tuttavia, la dimensione del campione è molto piccola e nessuno ce l’ha permanente Ha dimostrato che il cervo ha dato il virus agli esseri umani. Inoltre, non ci sono prove che una persona infetta dal SARS-CoV-2 mutato lo abbia trasmesso a qualcun altro e esperimenti preliminari indicano che il nuovo virus non sarà in grado di eludere gli anticorpi. In altre parole, se si diffonde alle persone, è più probabile che gli individui vaccinati siano al sicuro.

READ  Panoramica. Meno di 450 pazienti affetti da coronavirus sono in terapia intensiva e tutti i numeri sono in linea discendente Notizie su Instagram VTM

Infine, poiché il virus SARS-CoV-2 basato sui cervi è sconosciuto, non c’è motivo di credere che rappresenti un rischio maggiore per l’uomo. La preoccupazione più grande è che, poiché i virus possono evolversi negli animali, c’è la possibilità che possano trasformarsi in qualcosa di più serio.

Samira Mubaraka, virologa del Sunnybrook Research Institute e dell’Università di Toronto e autrice del nuovo articolo, “Il virus si evolve nei cervi e nelle propaggini dei cervi, lontano da ciò che vediamo chiaramente evolvere negli esseri umani”. Ha detto al New York Times,† Dopo aver sequenziato l’intero genoma di cinque cervi infetti, gli scienziati hanno scoperto diverse mutazioni che non erano state documentate prima. Hanno anche trovato 76 mutazioni che identificano la nuova versione di SARS-CoV-2 dalla versione originale del virus. Alcune di queste mutazioni sono state precedentemente rilevate in altri animali infetti come: visone

Poco prima della pubblicazione di questo studio, un gruppo separato di scienziati annunciare che il cervo della Pennsylvania potrebbe essere rimasto nella sua diversità alfa anche dopo la sua scomparsa dagli esseri umani – e che si sia evoluto in loro mentre continuavano a propagarsi. Ciò solleva preoccupazioni sui cervi che incubano i virus SARS-CoV-2.

Il virus SARS-CoV-2 lo è Crede Sono cresciuto in una mazza a ferro di cavallo. Ad un certo punto, si pensa che il virus sia passato attraverso una o più “mutazioni” a un altro animale e alla fine sia arrivato a un ospite umano. Il famigerato pipistrello ospitare pericolosi coronavirus perché il loro sistema immunitario è insolitamente aggressivo. Ciò significa che i virus che vivono nei pipistrelli devono evolversi e moltiplicarsi più velocemente per sopravvivere.

READ  Marc van Ranst soddisfatto della revisione dei tempi di attesa del vaccino

“La linea di fondo è che i pipistrelli possono essere speciali quando si tratta di ospitare virus”, ha detto a Science Daily nel 2020 Mike Potts, ecologista delle malattie e professore di biologia integrativa alla UC Berkeley. Anche i pipistrelli non sono strettamente imparentati con noi, quindi non ci aspetteremmo che ospitino molti virus umani. Ma questo lavoro mostra come il sistema immunitario dei pipistrelli può guidare la virulenza che lo supera. †

Per saperne di più sugli animali e sul virus COVID-19, leggi: