QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Van Aert mette a punto i nella corsa in salita del Titanic contro Alaphilippe | Ciclismo

A Wout van Aert chiaramente non piace giocare a nascondino. Dopo aver vinto la prima tappa, ha anche confermato il suo ruolo di miglior candidato per la prossima Coppa del Mondo a Lovanio nella difficile quarta tappa in Gran Bretagna.

Dopo aver percorso oltre 200 chilometri, i corridori avevano ancora due punti difficili tra cui scegliere in finale. Il traguardo è stato in cima al Great Orme con una pendenza media del 9,2%. Il gruppo aveva già assorbito la pausa iniziale da allora ed è stata la Brigata Ineos a dettare il ritmo per il leader Hayter.

Ma sono stati Michael Woods, Julian Alaphilippe e Van Aert a staccarsi dal gruppo nella parte più ripida dell’ultima salita. Il campione belga ha dovuto adattarsi all’accelerazione del campione del mondo, ma si è morso i denti e ha riattaccato. Anche Hayter ha trovato una connessione con il trio, proprio come Honoré.

Come compagno di squadra di Alaphilippe al Deceuninck-Quick Step, quest’ultimo è stato in grado di giocare un perfetto trampolino di lancio per il suo capitano. Questo piano sembrò funzionare e Alaphilippe si lanciò verso la fine, ma Van Aert si schiantò nella fretta.

Il campione del mondo ha provato a chiudere la porta nell’ultima gara, ma Van Aert ha saltato la maglia iridata e si è aggiudicato la vittoria. Finisce anche con la maglia del capitano sulle spalle. Van Aert ha una capra di peluche tra le braccia sul palco.

READ  L'Anderlecht ha sbagliato ad espellerlo.