QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Vandenembept ignora i luoghi comuni: “Il Club Brugge non lo cederà più”

Vandenembept ignora i luoghi comuni: “Il Club Brugge non lo cederà più”

Mancano ancora 90 minuti al nuovo campione belga. In qualità di commentatore, Peter Vandenempt ha assistito alle due partite decisive del penultimo turno delle qualificazioni ai Campioni. Cosa ricorda del Cercle Brugge-Union (1-2) e soprattutto dell'Anderlecht-Club Brugge (0-1)?

Vandenmpept in breve:

  • La prestazione dell'Anderlecht è stata notevolmente negativa e il deficit è stato toccante.
  • Un punto in casa per il Cercle, che non è chiedere molto con il Club Brugge in piena corsa con un punteggio di 23 su 27.
  • L’Unione ha fatto un ottimo lavoro, ma il rammarico per ciò che sarebbe potuto e dovuto accadere sarebbe grande.

Enormi rifiuti all'Anderlecht

L'Anderlecht e i suoi tifosi erano preparati, ma hanno giocato una partita completamente imperfetta nel momento peggiore possibile, sia collettivamente che individualmente.

Coach Reimer l'ha definita una “partita combattuta”, ma non ho avuto questa impressione. In ogni momento, fin dal primo minuto, si ha la sensazione che il Club Brugge abbia il controllo completo della partita.

Ho trovato l'Anderlecht straordinariamente negativo. Nonostante la meravigliosa atmosfera che regnava nel parco prima e all'inizio della partita, mancava la passione necessaria. Ad esempio, l'intensità con cui hanno iniziato la partita casalinga contro l'Union è stata insignificante.

A volte inseguivano una palla sfuggente. In possesso palla, se avevano la palla, non avevano idea di cosa farne. I ragazzi con i piedi buoni, da cui devono venire idee e creatività – Struykens, Verschauren, Dreyer, come dite voi… – non si sono arresi.

L’incapacità di gestire la palla è stata significativa e ho sentito gradualmente la fiducia e la convinzione scomparire dalla squadra.

READ  La ginnastica femminile belga, come quella maschile, salta le qualificazioni ai Mondiali e si classifica 17esima | Campionati mondiali di ginnastica

L'Anderlecht ha giocato una partita completamente sbilanciata, sia collettivamente che individualmente. Questo risuonerà a lungo con il club e i tifosi.

Se guardi: un'occasione forzata nel corso di 100 minuti e altre due volte minacciate su calcio d'angolo. Questo è al di sotto della media e non abbastanza buono per battere il Club Brugge.

Ha commesso anche un errore di copertura sullo 0-1. Le cose non stanno andando abbastanza bene perché tu possa diventare un eroe.

Naturalmente, ciò non accadrà più domenica. Ciò risuonerà senza dubbio con il club e i tifosi per molto tempo. Se vivi per questo tutta la settimana e costruisci tutto, anche se il club ce la fa ancora a tenere tutto lontano.

Comunque: ancora nessun premio. È un po' come la finale di coppa contro il Gent di due anni fa, quando arrivò vicino e non si arrese.

Magari – e questo non è un grosso problema – nemmeno il secondo posto, né la visibilità nei preliminari di Champions League e quei milioni.

Penso che l'Anderlecht avrebbe firmato per il terzo posto prima della stagione, ma ora ciò porterebbe ad una sbornia enorme.

L'allenatore del club Heine ha fatto ancora una volta un buon lavoro

Il Club Brugge è il nuovo leader. Bisogna sempre stare attenti nel calcio, lo so, ma il Club Brugge non lo lascia più andare. Nel grande flusso che abbiamo visto durante le qualifiche, con grande fiducia, soprattutto dopo ieri.

Un punto in casa contro il Cercle Brugge, che non è chiedere troppo per una squadra che ha preso 23 punti su 27 in quest'ultimo turno, credo.

READ  La nostra spia in Peloton intorno al 2021: "Numero più strano? Van Art sul Vento" | Ciclismo

Coach Hayne ha fatto anche ieri un buon lavoro con quell'uomo in più a centrocampo centrale. Il club non giocava nemmeno un gran calcio, ma univa convinzione, coraggio, maestria e livello individuale.

Il calcio si gioca facilmente attraverso le linee. È sempre stato un uomo libero e sembrava che giocassero a calcio con un'altra o due persone. Inoltre difendeva molto bene ed era molto compatto.

L'Anderlecht era semplicemente impotente e si irradiava. Vanaken ha primeggiato ancora, Onyedika ha giocato in panchina, Michel e Ordonez hanno dominato in difesa, Denis Odoi è stato l'eroe inaspettato, e così via…

Accadrà l'impossibile: diventeremo campioni, dopo essere rimasti a 19 punti di distanza dopo una gara regolare entusiasmante.

È stata una vittoria meritata e molto facile per il Club Brugge. E vedi: dopotutto accadrà l'impossibile. Diventa campione dopo essere stato sotto di 19 punti dopo un'emozionante stagione regolare.

Ovviamente questo ha a che fare con il dimezzamento dei punti e il temporaneo collasso della federazione. Ma soprattutto per la loro ottima prestazione nei playoff. Con 23 su 27, non l'ha rubato neanche lei.

Ma quello che tutti hanno detto per tutta la stagione: il Club Brugge alla fine ha fatto quello che ci si aspetterebbe. Con l'essenza più costosa, migliore e più ampia di sempre. Ad esempio, se ieri potessi sederti su Skov Olsen e Noosa, solo per dire qualcosa, alla fine quello che puoi aspettarti è essere il migliore del paese.

Un saluto all'Unione, ma il rammarico sarà grande

Al-Ittihad ora occupa il secondo posto in classifica, a 3 punti da Klopp, ed è ancora matematicamente possibile, e conosciamo questa frase, ovviamente. Tutto è possibile nel calcio, aggiungo un luogo comune.

READ  Le possibilità del Barcellona di incassare un grande successo: Messi ei suoi compagni di squadra scendono a terra correndo contro il Levante | Calcio straniero

Se l'Union diventerà presto vicecampione, avendo già vinto la coppa, allora in linea di principio avrà fatto un ottimo lavoro.

Ma il rammarico per quello che sarebbe potuto succedere, o sarebbe dovuto succedere, così come è successo l’anno scorso, sarà grande e durerà ancora per un po’.

Quelle quattro sconfitte all'inizio delle qualificazioni restano tanto imperdonabili quanto inspiegabili. Gli è bastata una piccola vittoria per restare leader. Ma si è rivelato fatale.

Riguardo alla partita di ieri: è stato positivo che coach Messin ci avesse avvertito prima della partita: “Sarà una brutta partita”. Aveva assolutamente ragione.

Era un brutto drago, un brutto calcio, la palla come oggetto diretto con una lunga linea, duelli, spinte, tirate, restare giù, interrompere, colpire la palla più in alto possibile… non c'era niente che valesse la pena guardare.

Ma l’Unione ha vinto meritatamente. Alla fine di una stagione molto lunga ed estenuante, anche a livello mentale, bisogna ancora fare i complimenti e avere ancora la freschezza e l'energia per lottare fino alla fine.

Battendo il Genk domenica non si sa mai se questo round finale conterrà una svolta decisiva nella storia… Comunque, penso che il podio dopo tutto sia pronto: 1. Club Brugge, 2. Union, 3. Anderlecht.

Pietro Vandenemppt

Imparentato: