QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Vedremo solo se Martinez è seriamente intenzionato a rinnovare dopo la selezione per la Coppa del Mondo” | piattaforma

Il podcast di De Tribune ha anche discusso della politica di selezione dei Red Devils. Le selezioni sono tradizionalmente grandi e necessitano di un rinnovamento, secondo molti follower. Nei preliminari del Mondiale contro Estonia e Galles, Roberto Martinez ha convocato 29 nomi, insieme agli esordienti Dante Vanzer e Watt Weiss. “Si tratta di scelte forzate”, afferma criticamente Peter Vandenbett.

Da quando è subentrato, Martinez ha convocato diversi giocatori, cita Vandenbemt. “Sceglie sempre 4 portieri, altrimenti non potrebbero allenarsi”, suona un po’ sarcastico. “Quindi tutti gli altri allenatori nazionali se la sono cavata male per 100 anni”.

Tuttavia, Vandenbempt fa anche un sondaggio: “Non fa male che stia facendo una selezione più ampia. Non c’è niente in contrario. E penso che sia una grande storia che Dante Vanzeir dell’Union sia ora là fuori”.

“Non credo che se tutti saranno in forma, Vanzer sarà lì tra un anno ai Mondiali, a meno che non sia ancora in fase di sviluppo straordinario. Ma può assaporarlo ora e forse mostrare ciò che ha da offrire”.

“Sono contento. Roberto Martinez fa sempre tanti nomi di giocatori, li segue tutti, e anche se ci sono tanti assenti non li chiama. Lo fa con Vanzer adesso e penso che sia un buona cosa.”

Dante Vanzer.

“Se tutti della vecchia guardia fossero in forma, sarei sorpreso dal nodo che fa per il Mondiale”

Ora che così tanti Red Devils stanno invecchiando, tutti si aspettano che Martinez dia ad altri omonimi la possibilità di prepararsi per il futuro. Ma lo spagnolo rimane conservatore nella scelta e nella squadra e spesso usa gli stessi nomi.

Con così tanti feriti ora, non aveva altra scelta che convocare due novizi con Vanzeir e Wout Faes. Ma l’avrebbe fatto altrimenti? Vandenbet: “Questo è il problema e me lo sono chiesto anche durante la precedente sosta per le Nazionali con la Final Four della Nations League”.

“Allora, ma anche adesso, sono scelte obbligate: scegli Vanzer, perché Lukaku e Batshuayi non sono disponibili. Ecco perché anche Origi è coinvolto di nuovo. Neanche Vermaelen e Alderworld sono in giro adesso”.

“Mi sorprenderà se tutti dalla vecchia guardia saranno in forma, quali decisioni prenderà quando dovrà scegliere una Coppa del Mondo tra 23 o 24 nomi in un buon anno. Solo allora vedremo se è serio sul rinnovo”.

A marzo Martinez non chiamerà giocatori che hanno giocato più di 50 partite internazionali.

Vandenbet aggiunge un altro commento: “Ho letto su Het Laatste Nieuws venerdì scorso che durante la pausa per le Nazionali di marzo, quando ci sono partite di allenamento in programma, Martinez non chiamerà giocatori che abbiano giocato più di 50 presenze”.

“Allora non capisco bene a cosa debbano portare quelle partite e questo incontro. Perché se devi eliminare tutti con 50+ presenze, stai lavorando con la squadra B o con l’Under 21”.

“Anche questi ragazzi hanno giocato molto. Se dovresti chiamarli e metterli in una partita o due, non lo so?”

“Direi: se vuoi integrare i giocatori nel giro della nazionale, allora lo fai poco a poco e ne incorpori alcuni nel giro della nazionale. Ma ovviamente questa nazionale non esisterà. Sarà un incontro completamente diverso, quindi penso che sia una decisione strana”.

Penso che questa sia una decisione strana se vuoi integrare i giocatori, perché ovviamente la nazionale non ci sarà.

Peter Vandenpet

Martinez è fedele ai suoi nomi di fiducia da molto tempo.

Si noti che Martinez a volte porta un nuovo nome per la selezione, ma questo non gli dà la possibilità di giocare. “Questa è la filosofia di Martinez”, spiega Vandenbett.

“Guardiamo chi sono in allenamento, come si adattano”, dice. “Posso immaginarlo per la prima o la seconda volta, ma se lo faccio per molto tempo..”

“Penso che tutti sarebbero d’accordo, ad eccezione dello stesso Roberto Martinez e di alcuni amici intimi, che Charles de Kettleri – solo per citarne alcuni – avrebbe dovuto giocare prima. Per dimostrare che può gestire quel livello. Si è anche esibito. su livello superiore. Questo è solo un esempio. “

“Guarda la quarta finale di Nations League: hai Theate, che gioca davvero bene, non sapendo che Theate sarà un futuro difensore centrale della Nazionale, ma perché non metterlo comunque in campo per il terzo posto?”

“Martínez è fedele ai suoi nomi di fiducia da molto tempo. Si dice che dopo l’Europeo, che è stato per me una battuta d’arresto, non abbia voluto puntare il dito contro alcuni giocatori non convocandoli più. Ma ovviamente siamo coinvolti nel massimo sport.”

“Abbiamo avuto allenatori nazionali, Joachim Loew, solo per citarne alcuni, che sono rimasti fedeli alla squadra con cui hanno avuto più successo per molto tempo”.

Penso che tutti sarebbero d’accordo sul fatto che Charles de Kittelari avrebbe dovuto giocare prima.

Peter Vandenpet

“Capisco la chiamata di Clement, ma l’allenatore della nazionale deve ignorarla”.

Infine, Vandenbempt risponde alla richiesta del manager del club Philip Clement di non permettere ai giocatori internazionali di giocare troppo per recuperarli freschi e sani per la partita contro il KV Mechelen 3 giorni dopo la partita contro il Galles.

“Capisco perfettamente la domanda di Clement, ma ovviamente l’allenatore della nazionale dovrebbe ignorarla. È così semplice. Il programma per la nazionale c’è. L’allenatore della nazionale deve selezionare e formulare i giocatori indipendentemente dagli interessi del club”.

“Capisco che Clement – giustamente – si riferisca al trattamento che alcuni giocatori (Courtois e Lukaku) hanno ricevuto prima delle due pause per le Nazionali e non hanno dovuto recarsi a Kazan per una partita contro la Bielorussia, perché poi possono arrivare al loro club più velocemente .”

“In realtà ho pensato che fosse una buona decisione, ma poi ho capito che Clement dice che sta facendo lo stesso per Charles de Kitilari, per esempio”.

Scarica il podcast De Tribune

READ  Nonostante il tiro superbo di Perisic, la Croazia non supera la Repubblica Ceca | Campionato Europeo 2020