QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Veramente preoccupati per il motorsport in Italia: ‘Stiamo perdendo il talento italiano’

Jorno Truly, ex pilota di Formula 1 e vincitore di un Gran Premio, mette il dito sul punto dolente quando gli viene chiesto perché gli italiani sono così bassi nella prima classe del motosport.

Ha vinto davvero il Gran Premio di Monaco nel 2004. Quindi è stato ospite del podcast australiano In Fast Lane, Per discutere della gara dello scorso fine settimana. Nella puntata, l’italiano interpreta il famigerato GP degli Stati Uniti nel 2005. Racconta la sua storia e mostra la sua opinione sull’assenza di più italiani in Formula 1.

Leggi di più: L’ex capo della FIA Max Mosley, 81 anni, è morto

Il Toyota Trolley è stato lanciato negli Stati Uniti nel 2005. Ha preso la pole al Gran Premio. Ma non ha iniziato come tredici anni. Il motivo è stato il grave incidente di Ralph Schumacher durante l’allenamento gratuito di venerdì. Gli pneumatici Michelin non si adattano al circuito di Indianapolis. Il tipo di asfalto, insieme alle forze G laterali nella curva rotonda, era troppo pesante per la gomma del fornitore di pneumatici.

(Foto immagini LAT)

Quindi non era sicuro per le squadre con pneumatici Michelin andare a correre, quindi solo tre squadre con pneumatici Bridgestone hanno iniziato. Sette squadre hanno partecipato al giro di formazione, ma poi sono entrate ai box. “Abbiamo sentito solo all’ultimo minuto che non stavamo andando a correre”, dice Truly. “Allora è venuto semplicemente alla nostra attenzione. Non possiamo farci niente. “Tuttavia, è deluso dal fatto che non gli sia stato permesso di negare la gara:” Non è stato né divertente né buono per la Formula 1. Molte persone hanno perso la fiducia nella F1 “.

READ  L'italiano Robinson Crusoe, da molti anni solo sull'isola ...

Italiani insufficienti

Truly è stato l’ultimo pilota italiano di F1 per molto tempo fino al debutto di Antonio Giovinassi nel 2017. Ha una spiegazione del perché così pochi italiani si lasciano. “È molto difficile entrare in Formula 1 in questi giorni, soprattutto a causa dei costi”, afferma Trulli. Sedili singoli Molto pesante. Adesso sto bene con mio figlio. Ma abbiamo problemi. “

(Foto di Charles Coates / Lot Images)

Inoltre, Trulli considera l’Italia non un mercato interessante per gli sponsor in Formula 1. “Questo non è un mercato che può offrire molto alle grandi aziende. Per ottenere un pilota italiano, una squadra non deve pagare un extra ”, ha detto l’italiano. Hai due piloti ugualmente bravi, ma se uno è italiano e l’altro è brasiliano, è molto probabile che il Brasile venga scelto da una squadra. Semplicemente perché il mercato in Brasile è enorme. “

Leggi di più: Il marchio elogia Verstappen come ‘l’onesto candidato al titolo’ come ‘aggressore intelligente’

Ma secondo Truly ha delle implicazioni anche per i piloti italiani: “Possiamo dire che non abbiamo visto talenti italiani negli ultimi anni”. Geovinassi è un’eccezione al riguardo. Truly pensa che il suo connazionale stia facendo molto meglio. “Ha avuto una sorta di sfortuna, ma ha guidato molto bene a Monaco e ha dimostrato il suo coraggio”, dice. L’ex vincitore del Gran Premio vuole vedere i giovani talenti entrare in Formula 1. “Spero che tra qualche anno ci sia mio figlio Enzo”.