QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Verdure e pesto sostenibili dall’Italia per il mercato nazionale ed estero

“Abbiamo progettato un modello di business sostenibile e competitivo per produrre cibo che non abbia un impatto negativo sull’ambiente”, ha affermato Thomas Marino, co-fondatore e responsabile del marketing e delle vendite di The Circle.

L’azienda vuole affrontare l’erosione del suolo, il consumo eccessivo di acqua e il cambiamento climatico. Quattro persone hanno unito le loro conoscenze in biotecnologia, tecnologia, orticoltura e marketing per fondare l’azienda. Circle è una fattoria acquaponica ibrida alla periferia di Roma che coltiva 28 tipi di colture, la maggior parte delle quali sono verdure a foglia per ristoranti.

Thomas attribuisce loro il merito di aver introdotto l’acquaponica in Italia. Poiché nel paese non si sapeva molto di questa tecnica di coltivazione, i fondatori impiegarono del tempo per trovare il metodo giusto che garantisse un equilibrio tra produzione e reddito. Attualmente, l’azienda sta stringendo più partnership perché ce ne vuole più di una per avere successo.


Fondatori

Ultima uscita
Un nuovo traguardo è stato raggiunto quest’estate con il lancio della nuova torre. “La nostra torre 2.0 soddisfa le nostre esigenze.” In questa struttura vengono coltivate fino a 45.000 piante utilizzando il sistema NFT per torri. Ciò si traduce in 18.000 torri su 2.500 m2.

Al momento, l’azienda sta raccogliendo fondi per aumentare il numero di impianti di coltivazione in Italia ed eventualmente in tutta Europa. “Stiamo davvero accelerando il processo di sviluppo per raggiungere il nostro obiettivo, ovvero portare il nostro sistema di coltivazione in altre città e in altri paesi”.

Medio Oriente
Circle non si concentra solo sull’Europa, poiché prevede di stabilire un punto d’appoggio negli Emirati Arabi Uniti, dove diverse aziende suburbane hanno espresso interesse, in particolare per colture come baby leaf ed erbe aromatiche.

READ  L'autorità di Brugada su Colbrelli: "Sarai scritto in Italia dopo un infarto"

“Gli agricoltori europei impiegano molto tempo per investire in questo tipo di progetto, mentre gli Emirati Arabi Uniti scelgono davvero di migliorare le tecniche di coltivazione entro il 2030. Direi che la nostra soluzione è unica nel campo dell’agricoltura verticale. A volte è meglio coltivare Con la luce solare naturale, ti fa risparmiare molto sui costi. .”

Guadagnando slancio in Italia
Attraverso un marketing mirato e prove multiple sui prodotti, lo scetticismo dei consumatori sta lentamente scomparendo. Devono provarlo prima di crederci. “I prodotti vengono venduti direttamente ai clienti perché questa è la migliore espressione della qualità del prodotto”, osserva Thomas.

In questa fase, i Coltivatori del Circolo non li prendono di mira poiché non hanno ancora formato solide relazioni. Per ora, l’obiettivo è conoscere gli agricoltori verticali. Poiché non esisteva ancora un codice per il loro funzionamento, The Circle ha contribuito alla creazione della legge in modo che i loro prodotti di alta qualità potessero raggiungere anche il mercato italiano. “Abbiamo davvero bisogno di promuovere la qualità del prodotto e la consapevolezza è fondamentale”.

Presentazione del pesto
I prodotti danneggiati vengono trasformati in pesto. Thomas dice anche che The Circle è impegnato con la ricerca e lo sviluppo di prodotti come mizuna, rucola e altre erbe. Si tratta di un progetto collaterale, però, tutti gli occhi sono puntati sul Pesto, dove presto si aggiungeranno nuovi prodotti e che verranno introdotti nell’area milanese. Oltre ai pesti, nel menu ci sono salse aromatiche e oli. “Tuttavia, i sottoprodotti crescono bene con il pesce che alleviamo”.

Per maggiori informazioni:
Tommaso Marino (Cofondatore)
Cerchio
thomasmarino.thecircle@gmail.com
www.thecircle.global

READ  Italia vs Orange ai Mondiali? "Più specifico di quanto pensi"