QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Virus contagioso e mortale di Marburg in Africa occidentale: “Immaginate che anche questo stia andando fuori controllo”

Un uomo in Guinea è morto per il raro virus di Marburg legato all’Ebola. È importante fermare rapidamente la diffusione, perché la malattia è altamente contagiosa e fatale. Non si esclude una nuova epidemia.

La Guinea solo di recente è riuscita a contenere nuovamente l’epidemia di Ebola, ma è già preoccupata per un virus correlato. Un uomo è stato trovato gravemente malato la scorsa settimana e da allora è morto infettato dal raro virus di Marburg, un parente dell’Ebola.

La malattia causata dal virus non è lieve, i pazienti sviluppano febbre alta e sanguinano dagli orifizi. La malattia è anche molto mortale, anche se le stime variano: dal 24 per cento all’88 per cento. Non esistono farmaci o vaccini specifici.

Per quanto si sa, questa è la prima volta che il virus è apparso in Africa occidentale. La grande domanda è se rimarrà con questo caso. Le autorità locali stanno ora cercando di identificare l’uomo con cui ha avuto contatti, perché il virus di Marburg è altamente contagioso. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha fornito assistenza alla Guinea per rilevare potenziali nuovi casi e informare il pubblico dei rischi.

La scienziata infettiva Erica Flegg, che è stata nominata coordinatrice nazionale dell’Ebola per il nostro paese nel 2014 e si è recata in Uganda per un diploma post-laurea, non si sente a suo agio. “Il mondo intero ha ancora a che fare con il Covid. Immagina se anche questo sfuggisse di mano. Certo la Guinea ha attraversato una grande epidemia di Ebola, ma l’assistenza sanitaria lì sicuramente non ha il livello di competenza, ad esempio in Uganda, dove il l’infrastruttura per contenere un virus del genere è molto più forte”.

READ  Un numero leggermente inferiore di bambini a Utrecht Heuvelrug riceve vaccinazioni complete | Testa

Fliggy dice che l’azione più importante ora è identificare i contatti del morto e isolare le persone giuste il più rapidamente possibile. Finora sono stati identificati 13 contatti, ma il numero potrebbe aumentare. L’inchiesta è in pieno svolgimento. Ma è normale che i residenti sentano che l’umore è sospeso. Anche queste persone non hanno voglia di andare in quarantena. In questo modo la malattia può diffondersi”.

Il fatto che la Guinea abbia un sistema sanitario piuttosto fragile rende le cose ancora più difficili. Spesso una tale infezione inizia da qualche parte in un piccolo villaggio in una zona boscosa. Il personale infermieristico non aveva immediatamente un equipaggiamento protettivo molto buono. Se entrano in contatto con il sangue di un paziente o altri fluidi corporei, possono essere infettati anche loro. Tutto dipende da quanto sono formati i tuoi dipendenti e da quanto è forte il tuo sistema sanitario. ”

Origine

Molto rimane incerto sull’origine del virus, che viene trasmesso dagli animali all’uomo. Ci sono indicazioni che provenga da alcuni tipi di pipistrelli, ma non è sempre chiaro da dove provenga l’infestazione. Secondo Fligy, ci sono anche collegamenti con la carne selvatica infetta e alcune specie di scimmie.

Il virus di Marburg è stato scoperto per la prima volta nel 1967, durante un’epidemia nelle città tedesche di Marburg e Francoforte. È cresciuto in un laboratorio in cui sono stati utilizzati reni di scimmia per sviluppare il vaccino contro la poliomielite. Più di trenta persone sono rimaste ferite, sette delle quali sono morte. I peggiori focolai della malattia sono stati registrati all’inizio del secolo in Congo e Angola. Centinaia sono stati uccisi lì. Per quanto ne sappiamo, il virus è apparso l’ultima volta in Uganda nel 2017, il quinto focolaio del paese in dieci anni. A causa del rapido intervento, l’epidemia si è conclusa dopo poche settimane.

Negli anni ’80, l’Unione Sovietica ha sperimentato il virus come potenziale arma biologica di guerra. Almeno questo è ciò che afferma Ken Alibeck, l’ex direttore esecutivo del programma di ricerca sulle armi biologiche dell’Unione Sovietica. Alibek in seguito fuggì negli Stati Uniti. Si dice che almeno un ricercatore abbia contratto l’infezione durante gli esperimenti sovietici e sia morto dopo una dura lotta con la morte.