QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Voglie, o perché quel sacchetto di patatine deve essere vuoto

A volte passi l’intera giornata a sbavare perché sai che c’è un vasetto di gelato nel congelatore? Un sacchetto aperto di patatine ti tenta di mangiarlo ancora e ancora finché non viene rivelato il suo fondo lucido? Sempre più persone soffrono di questo tipo Voglia di mangiare. Da dove nasce questo irresistibile desiderio? E cosa ci fai? “Direi di lasciar perdere e goderselo.”

un Aperitivo È un tipo di alimentazione disordinata, spiega Michael Sels, dietista senior associato Ospedale universitario di Anversa (UZA) e autore Bella lunga vita. “Abbiamo visto un aumento di questo tipo di comportamento negli ultimi anni”. L’esperto ritiene che la spiegazione di ciò risieda in diversi fattori. “Noi nel mondo occidentale non abbiamo perso un’enorme quantità di forza di volontà negli ultimi 30 anni. No, ma l’ambiente in cui viviamo e lavoriamo è cambiato radicalmente. Siamo circondati da stimoli nutrizionali dalla mattina alla sera”. Le persone che lavorano da casa spesso fanno uno spuntino. “Negli ultimi decenni, i datori di lavoro si sono concentrati su un posto di lavoro igienico, ma spesso il tavolo della cucina o l’home office non sono ancora stati adattati. Quindi la distanza dal frigorifero non è così grande.

La disponibilità di cibo è aumentata, così come le porzioni. “Anche la tecnologia e il marketing hanno un ruolo in questa storia”, continua Sels. “La passeggiata da Groenplaats alla stazione centrale non si fa più a piedi, ma con uno scooter elettrico”. Il flusso costante del marketing, a sua volta, crea un bisogno eterno e insoddisfatto. “Ciò significa che le cose che finiscono nei nostri piatti sono diverse da come erano, diciamo, cinquant’anni fa. Ordinare una pizza nel cuore della notte? In un ambiente abbastanza urbano, non è affatto un problema”. Tutto ciò fa sì che le persone ascoltino sempre meno il loro “sentimento istintivo”.

READ  RIVM: I vaccini proteggono la variante alfa dalla trasmissione del coronavirus

Mangiare intuitivo

“La lussuria spesso ha qualcosa a che fare con il comportamento appreso”, continua Sales. “Le persone sentono che lo spuntino fa parte del ‘relax reale'”. Quindi lo stress è una delle principali cause del desiderio di cibo. “Le persone che seguono diete rigide sono significativamente più colpite”. L’eccesso di cibo spesso porta a mangiare troppo. È un circolo vizioso.

Dietista Alicia Couvreurnoto anche come “nutrizionista mentale” e autore Addio dietaHa visto nella sua pratica gli effetti di un rapporto così turbolento con il cibo. “Ho notato che i miei clienti erano sempre molto concentrati sul numero della bilancia. Ho identificato i loro stati d’animo e le loro motivazioni”. cercando un modo per cibo salutare Per dirla in modo più positivo, mi sono imbattuto in un’alimentazione intuitiva, che è la filosofia alimentare sviluppata negli anni ’90 da due nutrizionisti americani. “Mangiare in modo intuitivo significa prendere le distanze da tutte le regole alimentari e le convinzioni sul cibo che hai, per imparare ad ascoltare di nuovo i tuoi sentimenti e il tuo corpo”, spiega Alicia. “Questo non vuol dire che esageri le raccomandazioni scientifiche, al contrario. È un’interazione tra: cosa brama il mio corpo, cosa sento e cos’è la salute?”

È un anti-dieta che vuole sbarazzarsi della cultura della dieta. “Fin dall’infanzia impariamo a ignorare segnali come la fame e la sazietà, basti pensare a frasi come ‘Devi finire il piatto'”. Couvreur, come Sels, concorda sul fatto che le persone che seguono una dieta hanno maggiori probabilità di soffrire di voglie di cibo. “Durante la dieta, alcuni cibi diventano ‘frutti proibiti’ e sai come va: cosa non è permesso, ne vuoi di più.” La restrizione alimentare porta a voglie di cibo. “Vediamo che le persone che sono a dieta a volte sognano cose che non possono mangiare”.

READ  Il New Jersey riporta il suo primo caso di vaiolo delle scimmie

Il mangiare intuitivo è mangiare secondo i tuoi morsi della fame, “in modo che ti sembri giusto, sia fisicamente che mentalmente”. Proprio perché tutto è permesso, il fascino del “mangiare malsano” sta diminuendo. “Ho affrontato questo processo da sola”, ammette Alicia. “Vedevo i dolci in particolare come una sorta di ‘godimento extra’, e dopo mi sentivo sempre in colpa. Una volta che li mangio quando ne ho voglia, il momento clou se ne va. Non è il caso che se ti dai il permesso incondizionato di mangiare tutto, mangerai in modo malsano.” Mangi solo cose ‘malsane’ per una settimana, e ti stancherai e desidererai pasti più nutrienti.”

Prova a mangiare di più in base al tuo istinto, dopo un po’ i sensi di colpa scompariranno.

– Alicia Couvreur, nutrizionista per la salute mentale

Fai una doccia calda

Qual è il modo migliore per sbarazzarsi delle voglie di cibo? “Direi di arrendermi e godermelo”, dice Alicia. “Sembra semplice, ovviamente – ci sono spesso cause sottostanti come stress o emozioni – ma in linea di principio si riduce a questo. Cerca di essere consapevole delle tue regole alimentari e chiediti se ti insegnano qualcosa. In caso contrario, , Cerca di mangiare di più secondo il tuo istinto, dopo un po’ il senso di colpa se ne andrà. Anche quelli che mangiano intuitivamente a volte Vogliesembrerebbe, “ma l’urgenza non diventerà così grande, perché puoi solo mangiarlo”.

Michel Sales consiglia inoltre di consumare pasti completi. “Eliminare alcuni macronutrienti come i carboidrati non è una buona idea. Questo crea un deficit energetico”. Offre altri suggerimenti per l’hacking del comportamento appreso: “Trova relax in altri modi, applicando una delicata lozione per il corpo o facendo un bagno caldo, per esempio”. In ogni caso, dovrebbe essere chiaro che il desiderio di cibo non è un fenomeno puramente fisico: “A volte leggo che il desiderio di cioccolato indica una carenza di magnesio”, ride Alicia. “Quindi semplicemente non funziona in questo modo.”

READ  Alicia Witt parla della sua recente diagnosi di cancro e mastectomia