QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Volkswagen interrompe la cooperazione in Russia ma rimane in silenzio sulla partenza completa | tagliare

Un’importante collaborazione tra Volkswagen e il gruppo GAZ è terminata, ma al momento si attende ancora il ritiro completo della casa automobilistica tedesca dalla Russia. Il Gruppo Volkswagen pagherà i dipendenti dello stabilimento nella città russa di Nizhny Novgorod che si dimetteranno volontariamente dal trattamento di fine rapporto. Questa azione è una conseguenza delle sanzioni imposte dalla guerra in Ucraina.

La Volkswagen ha assemblato nello stabilimento di Nizhny Novgorod i modelli del principale marchio Volkswagen e quelli della sua controllata Skoda. Tuttavia, l’impianto è di proprietà del gruppo GAZ, che è in comproprietà con Oleg Deripaska. Deripaska è incluso nell’elenco delle sanzioni occidentali.

Inizialmente, la Volkswagen ha ricevuto un’esenzione temporanea che ha permesso all’impianto di rimanere attivo. Giovedì la casa automobilistica tedesca ha dichiarato in un comunicato stampa che questa eccezione non è stata estesa. Un portavoce della Volkswagen ha affermato che la cooperazione con GAZ sta finendo. Sono stati colpiti circa duecento lavoratori.

Il quotidiano russo Kommersant, soggetto alle regole della censura russa, ha riferito che i dipendenti che hanno rescisso il contratto prima del 17 giugno riceveranno altri sei mesi di stipendio. Se lo fai prima del 29 giugno, ricevi cinque mesi.

La Volkswagen non ha costruito auto a tutti gli effetti nello stabilimento, a 430 km a est di Mosca. Tuttavia, è stato implementato il processo di produzione CKD (“completamente caduto”). Sono state fornite parti e sistemi separati che dovevano essere solo assemblati insieme.

Il Gruppo Volkswagen ha un proprio stabilimento a Kaluga, 150 chilometri a sud-ovest di Mosca. La produzione è stata interrotta dal 3 marzo per problemi di approvvigionamento a seguito delle sanzioni. Finora la Volkswagen non ha detto nulla su una possibile uscita completa dal mercato russo.

READ  Più nuove case che famiglie nel nostro paese: i prezzi delle case stanno aumentando più moderatamente