QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Von der Leyen: la Russia ricatta il mondo con la minaccia della fame | all’estero

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen afferma che la Russia sta ricattando il mondo con lo spettro della fame. Come per i combustibili fossili, dice, il governo di Mosca sta deliberatamente limitando le forniture per fare pressione sui paesi.

Non solo l’esercito russo ha ridotto in cenere molti campi di grano in Ucraina, uno dei maggiori produttori di grano del mondo, ha detto von der Leyen al World Economic Forum di Davos. Ha anche “bombardato deliberatamente i granai in tutto il paese”. Ad esempio, il grano rimanente non può raggiungere il Nord Africa affamato perché la Marina russa sta chiudendo i porti ucraini. Questi “atti nefasti” stanno facendo salire i prezzi dei cereali a livelli senza precedenti.

A ciò si aggiunge il fatto che la Russia è seduta sul suo grano per aumentare i prezzi o “scambiarlo con il sostegno politico. Una forma di ricatto”, lamenta von der Leyen.

L’Unione europea sta cercando di evitare una crisi alimentare emergente aiutando l’Ucraina a portare il raccolto fuori dal paese. Sta anche cercando di aumentare la sua produzione di grano, ha promesso von der Leyen. Per aiutare l’Africa a nutrirsi meglio. La cooperazione globale è l’antidoto al ricatto della Russia.

Leggi anche: Personaggi che hanno allucinazioni per un minaccioso disastro alimentare

Von der Leyen ha anche suggerito in un discorso a Davos che la ricostruzione postbellica dell’Ucraina dovrebbe essere finanziata dalle risorse russe. “Dobbiamo andare a fondo delle cose, comprese le capacità russe che abbiamo bloccato, se possibile”, ha detto von der Leyen. Il presidente della Commissione ha fatto riferimento alle sanzioni europee imposte alla Russia da individui ed enti.

READ  La Russia sta lavorando a un nuovo aereo Doomsday che potrebbe fungere da centro di comando in una guerra nucleare | all'estero

Non si tratta solo di riparare i danni causati dalla frenesia devastante di Putin. Si tratta anche di costruire il futuro che gli ucraini hanno scelto per se stessi, ha detto von der Leyen, riferendosi al presidente russo Vladimir Putin. “L’Ucraina appartiene alla famiglia europea”.