QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Vuoi ricaricare la batteria del tuo smartphone in 5 minuti? Questo è possibile grazie a questa batteria olandese | macchina elettrica

CES 2023Le batterie sono essenziali in smartphone, laptop e auto elettriche. L’unico problema è che la ricarica richiede un tempo relativamente lungo, il che è particolarmente fastidioso con le auto elettriche. Un’azienda olandese ha trovato una soluzione: una batteria che si ricarica in soli cinque minuti. Ma come funziona esattamente? E i consumatori ordinari possono effettivamente acquistarlo?


GlenHicks


È stata l’azienda olandese LeydenJar a presentare la batteria al pubblico alla fiera tecnologica CES. L’azienda ha già vinto un premio per l’innovazione e recentemente si è assicurata un investimento di 30 milioni di euro dalla Banca europea per gli investimenti. Il loro slogan è quindi molto promettente: “Con la nostra tecnologia, puoi guidare da Amsterdam a Monaco in una volta sola e ricaricare completamente la batteria in cinque minuti”. Ma come hanno fatto?

Il trucco è usare silicone grezzo. La batteria di uno smartphone di solito è costituita da un insieme di strati. “Hanno sempre un polo positivo e negativo”, dice Ewot Lubermann, capo della gestione dei prodotti, a RTL Nieuws. “Sostituiamo l’elettrodo negativo con una sorta di wafer. È fatto di silicio, un materiale estratto dalla sabbia. Con questa piccola modifica, la batteria ottiene il doppio della potenza e ha il doppio della capacità di accumulo”. Di conseguenza, ad esempio, i droni possono volare più a lungo e uno smartphone dura più a lungo.

I normali cittadini possono davvero usarlo?

Il progetto è attualmente agli inizi. Il primo stabilimento di Ledinger nel Brabante, nei Paesi Bassi, non aprirà prima del 2026. Dopotutto, l’azienda attualmente soffre ancora di un problema tecnico. Se carichi una batteria con carta siliconata, la materia prima si gonfierà circa 300 volte. Questo fa apparire delle crepe. La batteria si strappa in tempi relativamente brevi e può essere utilizzata solo un centinaio di volte.

READ  L'Europa è ancora rosso scuro, ma queste destinazioni...

Solo quando questo problema viene risolto può iniziare la produzione di massa. Anche se questo non sarebbe senza dubbio un problema. LeydenJar ha già stretto accordi con aziende come la casa automobilistica BMW. Quindi, c’è una buona possibilità che la batteria raggiunga anche il nostro mercato prima o poi.

© rv

Leggi anche

“Questo set di massaggiagengive pulisce perfettamente i tuoi denti, a soli 79 euro”: il nostro reporter scopre gli ultimi gadget alla più grande fiera mondiale della tecnologia (+)

testato. Auto elettrica Sony e Honda: “Nessuna esagerazione: guida davvero PlayStation 5” (+)

Guidi anche con una mano da dieci a due? Impugnare il volante in modo diverso può salvarti la vita