QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

VVD e D66 vogliono vaccinare gli animali in agricoltura

VVD e D66 vogliono vaccinare gli animali in agricoltura

Contro la prima malattia che colpisce soprattutto ovini e bovini, Esiste già un vaccino. UN Attualmente si sta sperimentando un vaccino contro l’influenza aviaria. “Il ministro deve accelerare il processo”, afferma Tom Van Kampen, deputato del VVD.

“Ora vediamo che l’influenza si è già diffusa in Sud Africa e negli Stati Uniti tra le persone e dobbiamo prevenirla a tutti i costi. Quindi, se i test sono pronti e funzionano, dovrebbe esserci una vaccinazione obbligatoria”.

Impegno vaccinale

Secondo il deputato la vaccinazione delle capre contro la febbre Q ha dimostrato il successo della vaccinazione obbligatoria. “Il numero di persone che soffrono di febbre Q è diminuito drasticamente”.

Sottolinea che l’obbligo di vaccinazione si applicherà alle malattie per le quali esistono vaccini. L’obbligo si applica quindi a tutti gli animali. “Quindi polli, capre, pecore e bovini dovrebbero essere vaccinati contro le malattie zoonotiche. Vogliamo proteggere la società da questo. Se la scienza ci fornisce il vaccino, allora gli allevatori dovrebbero vaccinare i loro animali”.

Uccidere e massacrare

Sottolinea che ciò non dovrebbe comportare costi aggiuntivi per gli agricoltori. Nel nostro Paese esiste un fondo sanitario per gli animali. Il governo e le aziende agricole donano soldi lì. Se un agricoltore viene infettato da una malattia animale e deve uccidere e macellare il suo bestiame, i costi vengono rimborsati da questo fondo.

“I costi sono aumentati notevolmente negli ultimi anni”, afferma van Kampen. “Se vaccini gli animali, non si ammalano e non devi abbatterli. Quindi possiamo usare i soldi del fondo per pagare le vaccinazioni.”

Alla fine del 1 aprile Approvato un vaccino contro il virus della febbre catarrale. In questo video il contadino Wouter Hartendorf dice che lo stava aspettando con impazienza:

READ  Cancro ma non c'è cura: perché la fonte è sconosciuta