QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Waasland-Beveren Coach Nikki Heine dopo aver interpretato Houdini: “Non c’è spazio per l’euforia” | Jupiler Pro League

La stagione regolare è terminata nella Jupiler Pro League. Waasland-Beveren ha comunque ottenuto grandi balzi davanti alla squadra di seconda divisione di Seraing il giorno della partita. Mouscron era il figlio del conto ed è sceso a 1B. Il tecnico Nikki Hine è sollevato: “E ‘stata una stagione molto difficile”.

L’assegnazione di Waasland-Beveren è stata tanto semplice quanto impegnativa all’inizio dell’ultimo round. Ha dovuto battere Ohio Leuven e Club Brugge ha dovuto sconfiggere Muscron. Quando si verificò questo scenario, i Waaslander stavano ancora passando la lanterna rossa a Mouscron.

“Vincere a Leuven è stato comunque un compito davvero difficile, indipendentemente dal punteggio di Muscron”, afferma Nikki Hine. “E ‘stato un ottovolante di emozioni. Ma in primo luogo dovevamo vincere la nostra gara. L’attenzione era principalmente su questo.”

“Più il finale è vicino, più è teso. Abbiamo avuto la possibilità di segnare sia gli Ohioesi che Leuven. Alla fine siamo stati in grado di batterlo con un completo knockout”.

Abbiamo continuato a combattere, abbiamo continuato a combattere

Nikki Hine

Sulla panchina del Waasland-Beveren, ci sono stati controlli regolari per vedere com’era l’asfalto allo stadio Jan Breydel. “Se fai 1-2 da solo e senti che il Club Brugge è arrivato in testa 5 minuti prima dello scadere del tempo, si anima e si fa teso. Il gioco non è più un’accademia. Era sopravvivenza”.

‘C’è una sensazione di sollievo’

I Waaslanders alla fine hanno vinto 1-2 a OH Leuven. A causa della sconfitta di Muscron contro il Club Brugge, la retrocessione diretta è stata evitata. Ciò ha causato molte emozioni all’interno del Wase Club.

“Particolarmente sollevato all’inizio”, dice Heine. “Penso che comfort sia una parola migliore che liberazione. Quel conforto era lì perché volevamo assolutamente giocare la mia partita di sbarramento contro Seraing. Speriamo che il rilascio continui anche oltre Seraing.”

“Questa è stata una stagione molto difficile. Volevamo anche restituire qualcosa ai tifosi del Beveren, è così semplice. Abbiamo lavorato duramente in circostanze molto difficili. Penso che possiamo essere davvero orgogliosi di esserci riusciti davvero. Spero che segua il risultato. la deificazione contro Sereing. “.

“Seraing diventa più importante dell’OHL”

A causa della vittoria su OHL, Waasland-Beveren si tratta ancora di una posa a due saltelli contro Seraing, numero 2 di 1B. Il vincitore di quel doppio confronto ottiene l’ultimo biglietto per 1A.

“Siamo molto vigili. Ci dovrebbe essere sollievo dopo OHL, ma non euforia”, ha detto Hine con cautela. “Non abbiamo ancora nulla nelle nostre mani. Quelle partite contro Seraing saranno più importanti di quelle contro Leuven. Lovanio è stato il primo passo. Ma se non riusciremo a concludere queste partite, sarà tutto un lavoro inutile. . “

“Abbiamo due possibilità. Non è una partita finale. In teoria, dovresti portare quelle partite a una conclusione positiva. Se fallisci, non ti meriti quel posto in 1A”.

“Ma voglio pensare al destino. Inoltre non voglio essere troppo positivo. Dobbiamo trattare quella partita come domenica, con piena concentrazione. E poi vedremo dove andremo a finire”.

“Abbiamo più da perdere di Sirring. Possono giocare liberamente e liberamente. D’altra parte, penso anche che la partita contro l’OHL ci abbia dato una spinta, soprattutto in questo modo. Penso che dovremmo prendere l’incentivo con noi per questa doppietta. confronto. Non li sottovaluteremo di certo “.

Waasland-Beveren continuava a fidarsi di Hayen: “voleva restituirgli qualcosa”

Nonostante l’ultima posizione, il consiglio di amministrazione di Waasland-Beveren ha mantenuto la fiducia in Hayen. “Ho sentito questa fiducia per molto tempo e sono grato a loro per questo. L’ho detto anche loro. Ecco perché questo conforto è stato così grande domenica, perché volevo anche restituire quella fiducia”.

“So che in molti casi l’allenatore può aver pagato il prezzo. Ma mi sono sempre sentito fiducioso. Stiamo anche lavorando molto duramente per realizzarlo”.

“So che non è intuitivo e i risultati sono spesso decisivi. Ma penso che facciamo un buon lavoro con il nostro team tecnico. Penso che la gente possa vederlo dietro le quinte. Comunque, ora dovrebbero esserlo anche i risultati. Seguiremo e allora possiamo lavorare a pieno: “La prossima stagione”.

Guarda l’intervista completa con Nikki Heine

READ  Genk mangia le Isole Canarie con pelle e piume ed è garantito PO1 | Jupiler Pro League 2020/2021