QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Wesley Sonk: “Sapeva di essere bravo, ma non sapeva che Romeo Lafia poteva farcela in Premier League” | piattaforma

Cosa facevi quando avevi 18 anni? Per Romeo Lafia la soluzione è debuttare in Premier League. Il giovane belga ha ricevuto elogi unanimi per la sua prestazione contro il Tottenham. Wesley Sonic era sotto Romeo Lavia come allenatore della nazionale per il campionato U-19 e non lo ha elogiato nel podcast De Tribune.

A Wesley Sonek di solito non piace parlare apertamente del giovane talento belga. In qualità di allenatore della nazionale under 19, non vuole distinguere le persone, ma dopo la prestazione di Romeo Lavia al Tottenham Hotspur, neanche Sonk può ignorarlo.

“Sapevo già che Romeo aveva grandi qualità calcistiche. Non sapevo che potesse farlo anche a livello di Premier League. Quello che ha mostrato contro il Tottenham è stato davvero fantastico”.

“Giocatori come Martin Vandevoordt, Luca Owen, Zino Dibast, Romeo Lafia, questi sono giocatori eccezionali a livello internazionale nella loro fascia d’età”.

Tra tutti i giocatori citati da Sonk, Lavia è il più giovane.

Diciamo solo che giocatori come Lafia potrebbero essere già stati avvistati dal tecnico della nazionale.

Wesley Sonic

Romeo Lavia ha giocato un sei a centrocampo del Southampton lo scorso fine settimana. Lì ha recuperato tanti palloni con la sua velocità e stabilità sui piedi, ma c’era di più. Lafia è sempre stato veloce, cercando soluzioni verticali e mostrando la sua base artistica.

“Ha un profilo molto interessante per la sua posizione di centrocampista difensivo”, conferma Wesley Sonk. Lafia non è il più alto (1,80 m), ma Claude Makelele non era, ad esempio, un giocatore di football che a volte Lafia ricordava.

READ  L'ex Red Devil Gunther Schepens perde la patente: la polizia lo ha arrestato due volte in una notte

La strada per una brillante carriera nel calcio internazionale non è solo in pieno svolgimento. Deve essere inclusa anche la testa. Sembra che Lavia sappia già cosa vuole.

A 16 anni ha chiesto un contratto da professionista con l’Anderlecht e ha optato per un’avventura inglese con il Manchester City. Due anni dopo, era abbastanza sicuro di sé da trascorrere più minuti giocando in Premier League in un club meno noto.

“Romeo è un ragazzo molto tranquillo”, dice Wesley Sonic. “Ovviamente ha deciso lui stesso – e forse insieme al suo entourage – che sarebbe stato meglio per lui lasciare il City per giocare più altrove. Questo deve essere stato discusso con il City. C’è una clausola di riscatto che ho letto”.

Il futuro dei Red Devils?

Romeo Lavia è nato il 6 gennaio 2004. Per fare un paragone: è quindi più giovane di Marco Cana o di Aster Franks (entrambi nati nel 2002), due giocatori quasi con lo stesso profilo.

Mentre Kana lotta per un posto all’Anderlecht e i Franks hanno trascorso l’intera partita contro il Werder Brema dalla panchina del Wolfsburg lo scorso fine settimana, Lafia sembra aver iniziato in Premier League.

Lafia è il futuro dei Red Devils? “Ovviamente è quello che intendiamo io e il mio equipaggio”, ride Sonic. “Queste sono in realtà domande per il mio capo, Roberto Martinez.”

“Ma diciamo che ragazzi come Lafia probabilmente sono già beccati. E se il tecnico della nazionale ha bisogno di sapere qualcosa, a volte ci chiama”.

Ascolta l’intera puntata di De Tribune