QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Wout van Aert punti interrogativi sul Tour: ‘Devo essere paziente così’ | piattaforma

Wout van Aert divenne gradualmente di nuovo pronto per la battaglia. Sulla strada dall’allenamento in quota a Tignes alla sua casa a Kempen, il corridore di De Tribune ha parlato della sua guarigione dall’appendicite e delle sue ambizioni e obiettivi del tour questo autunno.

“Non senti più nessun infortunio, ma hai sperimentato molta perdita di forma fisica”

“Il periodo di allenamento è andato bene”, ha detto Van Aert. “È bello avere la mia famiglia lì. Abbiamo lavorato duramente e abbiamo fatto tutto il possibile per migliorare le cose. Non è stato facile dopo la mia ricaduta di appendicite all’inizio di maggio”.

Van Aert è ancora infortunato? “In realtà non ne ho più voglia. Ho ancora problemi con gli addominali. E ovviamente ho perso molta forma fisica”.

Che ne dici di forma allora, una settimana prima dell’inizio del tour? “Non è ancora come dovrebbe essere, ma mi sento molto meglio. Sono pronto per correre. All’inizio speravo di dare gli ultimi ritocchi questa settimana, ora si tratta solo di alzare la base”.

Van Aert ha sorpreso l’anno scorso durante il tour come caposquadra in salita.

“Punto ad accessi e prove a cronometro più difficili, non a sprint veloci”

Van Aert era in buona forma un candidato per il cartellino giallo nella prima settimana. Per non parlare delle potenziali vittorie di tappa. Ora esprime queste ambizioni con maggiore cautela, “anche se non ho completamente perso la speranza di affrontare il giallo”, afferma Van Aert.

“Con questo caso, potrei dover essere un po’ paziente. Non miro davvero agli sprint puri, gli altri ragazzi hanno una serie per questo. Ho maggiori possibilità di ottenere risultati più difficili. Nel weekend di apertura , con uno sprint quando tutti sono dentro, temo di essere breve, anche se spero segretamente di fare bene.

“Le crono sono segnate in rosso. Ho potuto fare un test run per tutto il tempo, anche con l’obiettivo di Tokyo. Spero di essere al giusto livello, ma se sarò in buona forma solo dal crono alla fine del giro, sono anche un ragazzo felice”.

Al suo debutto in tournée nel 2019, Van Aert ha immediatamente vinto una tappa.

“Nessun spazio verde e meno fatica, con un focus su Tokyo”

Con Tokyo, il prossimo grande obiettivo di Van Aert è stato fissato. Fino a che punto andrà nel tour, puntando alle Olimpiadi?

“Non potrò lavorare così duramente quest’anno come lo scorso, perché ho ancora molte ambizioni dopo il Tour. Il mio ruolo è più nelle gare dei tifosi e nelle finali frenetiche. Ecco perché il verde non è un obiettivo. Dovresti ottenere questa maglietta ogni giorno. Saziati, non prenderla tra zuppa e patatine fritte. “

Van Aert spera di dare il meglio di sé a Tokyo e Leuven, dove si terranno presto le finali della Coppa del Mondo? “Se posso firmarlo, allora immediatamente, ma non è una scienza esatta. Se si scopre che non posso arrivarci quest’estate, ma posso guidare in un buon autunno, allora non ho nulla da biasimare.

Van Aert inizia domenica nel campionato belga a Wargem

L’ultimo chilometro di Van Aert risale ad aprile, quando vinse l’Amstel Gold Race. Tuttavia, non entrerà completamente nel Tour senza competizione nelle gambe, poiché domenica sarà al via del campionato belga.

“Inizierò domenica e spero di riuscire a raggiungere la finale”, ha confermato. “Spero anche di poter fare un altro passo avanti nelle condizioni. Ci sono ancora molti punti interrogativi, speriamo meno dopo domenica”, conclude.

Scarica il podcast De Tribune

READ  L'Anderlecht ha sbagliato ad espellerlo.