QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Yves Lambert di Vive le Vélo: “Per un po’ mi sono sentito come Max Verstappen” | Vive Le Velo

Anche con la maglia gialla in grembo come prova tangibile, quella realizzazione traspare lentamente su Lambert. “Ho visto le foto sulla pagina Instagram di Sporza, ma è ancora difficile capire chi ho sconfitto. È così pazzo per le parole, non puoi crederci”.

“È molto speciale. Stamattina avevo l’ambizione di entrare nella top ten. Se si taglia il traguardo dove grandi star come Van Aert, Jana e Van der Poel vincono in un percorso del genere, è tutto. Non è molto chiaro. Io l’ho fatto su qualsiasi Tuttavia, è ancora irragionevole”.

Sorprendentemente, a differenza dei suoi compagni di squadra, Lambert non ha optato per il nuovo casco Specialized. Anche se quella non era la chiave del suo successo, ha detto. “Non credo che il casco abbia fatto molta differenza. Ho scelto il vecchio casco perché non ho ancora avuto alcuna competizione con il nuovo casco. Volevo comunque usare i materiali che conoscevo”.

“Forse la differenza era nelle gomme da bagnato. Mi ha reso un po’ più lento in rettilineo, ma un po’ più veloce in curva. Oggi mi sono sentito come Max Verstappen”.

Wout van Aert ha dovuto ingoiare quando Lambert lo ha estromesso dal trono, ma il numero 2 si è mostrato matematicamente e si è congratulato con Lambert. “Wout è stato davvero felice per me. Siamo stati entrambi anche due volte campioni belgi di Trials. È fantastico che ora siamo 1 e 2”.

“Come Belgio, stiamo già facendo molto nel campo del cronometro. Non è chiaro se stiamo collaborando con il vertice mondiale in questa disciplina. Quello che abbiamo ottenuto negli ultimi anni è straordinario. Forse Victor Campinaarts ha gettato le basi per questi.”

READ  I tori belgi non possono evitare una seconda sconfitta contro la potente Ucraina | Giochi per persone con bisogni speciali

Qualche settimana fa, Lambert è stato preso di mira dopo la sua relazione con Tim Wells nel Baloos Belgium Tour. Questo sembra essere completamente dimenticato ora. “Ho parlato con Tim al BC. Ha anche detto che lo abbiamo messo tatticamente bene. Succede più spesso di quanto pensi, questo è lo sport migliore”.

“Mi ha semplicemente tenuto largo e non ha tolto le mani dal volante. Ci siamo assicurati e abbiamo vinto. Potrebbe sembrare brutale per i non esperti, ma nelle gare veloci succede molto”.

Domani Lambert potrà iniziare la seconda tappa in giallo. Ma per quanto tempo può tenere la maglia? “Difficile da dire. Dobbiamo rispettare i nostri obiettivi e quella è la gara di domani con Fabio Jacobsen. Se vince qualcuno e qualcuno diverso da Wout prende il secondo posto, mi terrò la maglia per un altro giorno”.

“Quello che arriva adesso è un bonus. Non dobbiamo puntare sulla maglia gialla, ma sulle vittorie. Con Fabio abbiamo il giocatore più veloce del girone e faremo di tutto per vincere domani”.

Guarda la trasmissione completa di Vive le Vélo su VRT ora