QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Zelensky: “Molti uomini d’affari russi si sono offerti di aiutare Kiev, compreso Abramovich”

© Reuters

Diversi uomini d’affari russi, tra cui il proprietario del Chelsea FC, Roman Abramovich, hanno offerto denaro a Kiev, in parte per sostenere l’esercito. Almeno questo è quanto ha affermato domenica il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un’intervista con vari media russi.

fonteBELGA

Quindi uno di quei segnali è arrivato da Abramovich. Si dice che l’oligarchia sia vicina al presidente russo Vladimir Putin e soggetta alle sanzioni dell’Unione europea. “Abbiamo ricevuto spunti da lui e da altri uomini d’affari che hanno offerto: ‘Possiamo aiutare in qualche modo, possiamo fare qualcosa’”, ha detto Zelensky.

“Alcuni hanno detto di essere pronti ad aiutare a ricostruire il Paese dopo la guerra”, ha detto il presidente ucraino. “Vogliamo trasferire la nostra azienda in Ucraina, viviamo in Inghilterra o da qualche parte in Svizzera. Ma come possiamo sbarazzarci di quell’elenco di sanzioni?”

Zelensky ha anche sottolineato che, indipendentemente dagli uomini d’affari che desiderano donare denaro per sostenere l’esercito ucraino, l’Ucraina è pronta “a garantire la loro sicurezza, fornire loro lavoro e dare alle loro aziende l’opportunità di svilupparsi”. Il presidente ha detto di voler avviare una conversazione sul “cambiare la nazionalità” di queste persone.

Mercoledì, il Wall Street Journal ha riferito che Zelensky ha fatto appello al presidente degli Stati Uniti Joe Biden di non punire Abramovich perché potrebbe svolgere un ruolo nei negoziati di pace tra Ucraina e Russia.

READ  La Corte Suprema degli Stati Uniti non vieta la legge sull'aborto in Texas