QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Alexander Pilsen tiene la conferenza stampa più emozionante: “Fa parte di me. Il soprannome è suo” – Football News

Alexander Pilsen tiene la conferenza stampa più emozionante: “Fa parte di me. Il soprannome è suo” – Football News

Alexander Pilsen non è riuscito a gestire le sue emozioni dopo aver vinto la coppa. Abbiamo dovuto aspettarlo per due ore e quando è entrato in sala stampa ci ha subito avvertito: “Non aspettatevi da me dichiarazioni intelligenti… le cose non andranno bene”.

Le cose sono andate molto bene. Le emozioni di Belsen erano belle da guardare. “L'anno scorso ho perso il titolo ad Anversa negli ultimi dieci minuti – ha esordito -. Quegli ultimi dieci minuti adesso… e quel fischio finale… ti capita in quel momento”.

Avere la sua famiglia lì lo ha reso ancora migliore. Soprattutto sua moglie Charlotte, che l'anno scorso ha subito un infarto al midollo spinale ed è rimasta parzialmente paralizzata. “Significa tutto il fatto che lei fosse lì”, ha detto Belsen, con le lacrime di gioia agli occhi. “Non capita spesso che venga mia moglie.”

Andare a un party? Due birre e ballo sul tavolo

“Stavo pensando: dovrei farla venire allo stadio, dovrei farla venire… Ma se lo merita. Lei è parte di me. Il titolo è suo. Ringrazio il mio staff, che è il più straordinario”. Viene dal mondo e i giocatori se lo meritano tanto, quel pezzettino che ho, lo do tanto a mia moglie quando sale in tribuna, ma ovviamente le voglio bene.

Per l'allenatore cinquantenne si tratta del primo importante premio della sua carriera. “Ho vinto molti premi con le giovanili. In effetti, sono stato un allenatore professionista solo per quattro anni. Quindi ottenere un premio in quattro anni, non è male”.

E il resto della serata? “Oh mio Dio, non bevo molto bene. Due birre e sto ballando sul tavolo. Penso che lascerò festeggiare i ragazzi in mezzo. Domani avranno tempo libero. Ho già visto un sacco Di buoni passi di danza nello spogliatoio, posso, ma ho sentito alcuni di loro cantare. Inoltre, penso di essere più bravo in questo.”

READ  Matteo van der Pol dopo la declassificazione: "Sono l'ultima persona che vuole mettere in pericolo qualcuno" | Giro di Francia