QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Amsterdamse ha ricevuto i giornali di 20 anni per sei mesi …

Un agente di polizia del distretto di Amsterdam ha risolto un caso privato. Una residente locale ha avuto due giornali nella sua casella di posta ogni sabato negli ultimi sei mesi. Era strano che i giornali avessero vent’anni. L’agente di polizia ha scoperto che questo era il lavoro di un uomo con disturbo ossessivo-compulsivo.

L’agente di polizia distrettuale Cees ha condiviso la sua storia sulla pagina Facebook della polizia di Amsterdam. Un giorno ha visto una denuncia di Agnita. Agneta è stata l’unica nel suo complesso di appartamenti a ricevere sabato due vecchi giornali non letti oltre alla Volkswagen Krant. È stata vendetta dopo un reclamo da parte del corriere, un’altra azione mirata? Non riusciva a capirlo. “

Solletica il puzzle all’interno del poliziotto di quartiere Hercule Poirot. “Così ho deciso di postare alla sua porta di notte. Tutto e tutti passavano, nessuno si è fermato. Ma alla fine, verso le 14, un ciclista si è fermato proprio davanti al balcone”. Il poliziotto pensò per un momento di aver arrestato l’autore del reato, ma l’uomo portava un cagnolino nella cesta della bici e poi ha continuato a guidare. Verso le 6 del mattino, l’agente Sis ha visto uno strano uomo che ha attirato la sua attenzione. Non molto tempo dopo, vide l’uomo infilare due grossi giornali nella scatola di Agneta. L’agente di polizia distrettuale Sees ha parlato con l’uomo. “L’uomo mi ha volontariamente scortato alla stazione, dove mi ha detto mentre beveva una tazza di caffè che tornava con la forza ogni sabato nel quartiere in cui era cresciuto. Lì buttava sempre dei vecchi giornali conservati in casa in una cassetta delle lettere scelta a caso. . “

READ  Cinque afghani legati ai talebani sono sotto sorveglianza in Francia

“Ha promesso d’ora in poi di portare il suo giornale nella spazzatura di carta. Il suo agente di polizia locale in seguito lo ha visitato per seguire le cure. In breve tempo, l’uomo viene aiutato e Agneta si sente a suo agio. Ed è così che ci piace vedere. sua!”