QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Attivisti manifestano contro la mostra di un fumettista che “glorifica l'incesto e la pedofilia”

Attivisti manifestano contro la mostra di un fumettista che “glorifica l'incesto e la pedofilia”

Da venerdì 12 aprile a sabato 11 maggio, la galleria Huberty & Breyne di Ixelles espone le opere di Bastien Vives. Contro la mostra è già stata presentata una petizione. Attualmente ha raccolto 4.300 firme.

Secondo gli attivisti, Vives glorifica l'incesto, la pedofilia e lo stupro. Anche diverse associazioni francesi hanno sporto denuncia contro i fumetti per questo motivo. Si tratta nello specifico di Les Melons de la colère (2011), La Décharge Mental (2018) e Petit Paul (2018).

Il primo fumetto parla di una giovane ragazza dal seno molto grande che rimane vittima di diversi stupri di gruppo.

In “La Discharge Mental”, un uomo è invitato a trascorrere una serata con una famiglia con tre bambini, dopodiché hanno luogo atti sessuali sia con bambini che con adulti.

“Petit Paul” racconta la storia di un bambino di 10 anni con genitali sproporzionatamente grandi. Il ragazzo partecipa o è testimone di atti sessuali con adulti.

Dounia Largo, la promotrice della petizione, aveva detto in precedenza: “Vives viene criticato ogni volta per il suo lavoro e si rifiuta di mettere in discussione se stesso e il suo lavoro”. Rilievo. “Invece, continua a farlo con il pretesto della libertà artistica e della libertà di espressione”, ha aggiunto.

READ  Perché Rihanna e Zendaya non hanno partecipato al Met Gala