QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Centinaia di migliaia di persone con problemi immunitari non sono immuni dopo la vaccinazione

Dall’inizio di quest’anno, nei Paesi Bassi sono stati condotti otto studi su diversi sottogruppi di pazienti con sistema immunitario compromesso. ZonMw, il più importante finanziatore della ricerca medico scientifica, ha stanziato 15,5 milioni per gli studi.

I primi risultati di quattro studi sono stati annunciati in un webinar organizzato da ZonMw oggi. Questi non sono stati pubblicati o sottoposti a revisione paritaria.

cooperazione

Gli studi sono condotti in stretta collaborazione tra gli UMC olandesi. RIVM e ZonMw assicurano che gli studi utilizzino un metodo standardizzato per misurare la risposta immunitaria dei partecipanti, in modo che i risultati siano reciprocamente confrontabili.

I pazienti con reni gravi hanno una probabilità da tre a cinque volte maggiore di morire di Covid-19 rispetto alla media. Lo studio sulla vaccinazione dei pazienti renali ha prodotto risultati relativamente positivi per i pazienti con insufficienza renale e per i pazienti sottoposti a dialisi. Oltre l’80% di questi pazienti produce anticorpi sufficienti dopo la vaccinazione completa.

Due terzi delle persone che hanno subito un trapianto di rene non hanno risposto o non hanno risposto adeguatamente alla vaccinazione. Non costruiscono né forniscono una protezione adeguata.

sopravvissuti

Nei pazienti che hanno subito un trapianto di polmone, il quadro è più complicato. Se contraggono il covid-19, i loro polmoni trapiantati ne risentono.

I pazienti che hanno subito un trapianto di polmone e sono sopravvissuti al Covid-19 costruiscono una buona difesa contro il virus dopo la vaccinazione. Dopodiché, un vaccino è sufficiente come booster per le difese naturali. Beneficiano della vaccinazione anche i pazienti in lista d’attesa per un trapianto di polmone.

READ  Bambini e giovani si considerano ancora sani

Ben diversa la situazione per i pazienti trapiantati che non hanno ancora contratto il Covid-19. Degli oltre 100 pazienti che hanno preso parte allo studio, solo il 13% ha prodotto anticorpi adeguati.

cancro del sangue

Ogni anno ci sono circa diecimila persone diagnosticate con una qualche forma di leucemia o linfoma nei Paesi Bassi. Tutti questi pazienti soffrono di vari disturbi del sistema immunitario. Per lo studio sono stati selezionati 850 pazienti con 17 diversi tipi di leucemia o cancro ai linfonodi, tutti ad alto rischio di sviluppare un grave decorso di Covid-19.

In tutti i pazienti, il funzionamento del sistema immunitario è compromesso. Ciò può essere dovuto al fatto che sono sottoposti a chemioterapia, immunoterapia o terapia cellulare o perché il tumore sta paralizzando il sistema immunitario. Ci sono anche pazienti che ricevono farmaci immunosoppressori o il cui sistema immunitario si riprende dopo un trapianto di cellule staminali.