QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Colera e assistenza sanitaria accademica nella Leida del XIX secolo

Colera e assistenza sanitaria accademica nella Leida del XIX secolo

Domenica 14 aprile 2024 alle 14:00 fino alle 15:30

Tema

Domenica 14 aprile alle 14 al Cimitero di Grünstig verrà organizzato un incontro sul colera e la sanità accademica a Leida nel XIX secolo. Dopo una breve conferenza di Geert van Dijk nella sala, si svolge la visita alle tombe di diverse persone legate a questi temi. La sala è aperta dalle 13:30 e l'ingresso è gratuito.

All’inizio del XIX secolo nessuno sapeva come ebbe inizio un’epidemia come il colera. Alcuni scienziati danno la colpa ai “fumi malvagi”, altri danno la colpa a qualcosa di infettivo, senza sapere come funziona. In quel secolo ci furono almeno 6 epidemie di colera. Le cattive condizioni igieniche e l’acqua potabile non sicura aumentano il rischio di colera. Ciò significa che nel XIX secolo erano colpiti da questa malattia soprattutto i poveri. Poiché la mortalità dovuta al colera può superare il 50%, si sono verificati molti decessi: nel 1849, più di 23.000 dei circa tre milioni di olandesi morirono di colera.

L'assistenza medica accademica a Leida non era all'avanguardia nel mondo all'inizio del XIX secolo, ma più tardi, nel 1873, fu costruito un nuovo ospedale accademico, dopo un lungo braccio di ferro e dispute finanziarie tra la città, l'università e il governo. In questo hanno avuto un ruolo le nuove conoscenze sulle malattie infettive come il colera, che hanno portato, tra l’altro, alla costruzione dei “reparti”: edifici separati destinati a ridurre il rischio di contaminazione all’interno dell’ospedale. L'”Ospedale accademico di Leida” fu fondato in un nuovo edificio sulla Steenstraat, che in seguito ospitò il Museo di Etnologia, ora chiamato Museo Universale.

READ  Qual è la cosa migliore da fare se hai mal di gola?

Lente d'ingrandimento

Fino al suo pensionamento, Gert van Dijk è stato medico specialista presso l'AZL e successivamente presso la LUMC. Ora vive a Meelfabriek con vista sul cimitero di Groenesteeg. Al mattino passeggia per Leida, alla ricerca di una bella luce per disegnare la città con linee chiare.