QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Cremlino: ex prigionieri russi pagheranno “il sangue” sul campo di battaglia in Ucraina all’estero

Cremlino: ex prigionieri russi pagheranno “il sangue” sul campo di battaglia in Ucraina all’estero

Gli ex prigionieri russi schierati nell’esercito russo in Ucraina in cambio di una futura grazia stanno “pagando con il sangue il loro crimine”. Lo ha detto il portavoce del presidente russo Vladimir Putin, Dmitry Peskov. Le ONG criticano fortemente questa strategia.

“I condannati, compresi i crimini gravi, pagano per i loro crimini con il sangue sul campo di battaglia”, ha detto Peskov ai giornalisti. “Pagano con il sangue le unità d’assalto, sotto proiettili e bombardamenti.”

Forti sentimenti

Il portavoce ha risposto a una domanda su Vladislav Kanguis, l’uomo condannato a 17 anni di carcere per l’omicidio di uno studente di 23 anni nel 2020. Secondo alcuni media russi, l’uomo sarebbe stato rilasciato per combattere al fronte in Ucraina. Ciò ha suscitato forti sentimenti tra le organizzazioni impegnate nella protezione delle donne.

Aspetto. È così che i russi reclutano i prigionieri di guerra in Ucraina

Decine di migliaia di criminali, alcuni dei quali condannati per omicidio o stupro, sono stati reclutati nell’ultimo anno per combattere per mesi in Ucraina in cambio dell’amnistia.

Secondo Olga Romanova, ex giornalista in esilio che si batte per i diritti dei prigionieri e esponenti dell’opposizione in Russia, Mosca ha reclutato un totale di 100.000 combattenti nelle sue carceri. Il Cremlino non ha fornito dati ufficiali. Alcuni dei combattenti di Wagner furono reclutati direttamente nella prigione dall’ex leader del gruppo paramilitare, Yevgeny Prigozhin, ucciso nell’esplosione del suo aereo in agosto.

Pericoloso tornare

Secondo le ONG, la strategia russa potrebbe rappresentare un pericolo per la società una volta che i detenuti torneranno dal fronte. Ciò è già stato dimostrato più volte. Ad esempio, un criminale russo rilasciato per combattere come mercenario del gruppo Wagner in Ucraina è sospettato di aver commesso un duplice omicidio dopo essere tornato in Russia.

READ  La guerra in Ucraina accresce le tensioni sulla Brexit tra Bruxelles e Londra

Un criminale russo è stato rilasciato per aver combattuto come mercenario del Gruppo Wagner in Ucraina, con l’accusa di duplice omicidio dopo essere tornato in Russia.

Soldato Wagner (37 anni) accoltella a morte 6 persone dopo essere tornati a casa: Ha ucciso tutti durante le rapine in casa e poi ha dato fuoco a tutto

Guarda anche. La propaganda russa prevede che la guerra durerà a lungo: “Russia e Occidente non possono vivere insieme”