QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Diagnosi più rapida e trattamento precoce del cancro ai polmoni grazie alle analisi del sangue

Diagnosi più rapida e trattamento precoce del cancro ai polmoni grazie alle analisi del sangue

Editoriale sui fatti medici / Janine Budding 10 febbraio 2024 – 22:36

Attraverso l'analisi del sangue è possibile determinare più rapidamente se un paziente con disturbi compatibili con il cancro ai polmoni è effettivamente affetto dalla malattia e se può essere trattato con una terapia mirata. Due anni fa, l'ospedale Katarina ha introdotto questo esame del sangue nella pratica clinica. “Per noi è diventata una routine”, afferma Volker Scharnhorst, capo del laboratorio clinico generale dell'ospedale Katarina e professore alla TU/e. “Questo è il modo in cui abbiamo un impatto e questo è ciò che ci distingue dal resto dei Paesi Bassi.”

Otto anni fa Scharnhorst iniziò la sua ricerca per individuare il cancro ai polmoni nel sangue. A quel tempo, lo screening del cancro veniva sempre eseguito da un patologo, che esaminava un pezzo di tessuto. “Durante una biopsia, il pneumologo rimuove parte del tessuto attraverso la trachea”, spiega Scharnhorst. “Si tratta di una procedura piuttosto complicata e spiacevole, che non sempre riesce. A volte il paziente deve tornare. La nostra domanda era se fosse possibile fare una diagnosi affidabile anche sulla base delle analisi del sangue.

Diagnosi e piano di trattamento del cancro del polmone

Un paziente il cui medico sospetta un cancro ai polmoni verrà sottoposto a test di imaging e quindi verrà eseguita una biopsia per identificare le cellule tumorali e ottenere un'analisi del DNA. Con tutte queste informazioni viene determinato un piano di trattamento. Questo è il caso in tutti gli ospedali olandesi. Possono quindi essere eseguiti tre trattamenti: il paziente riceve la chemioterapia, l'immunoterapia o una terapia mirata sotto forma di pillole e prima che il medico possa trattare, deve sapere quale trattamento è il migliore. Per stabilire se esiste una mutazione trattabile con la terapia mirata alla biopsia, è necessario attendere in media due settimane per ottenere i risultati dell'analisi del DNA sul tumore. “Tempo prezioso”, afferma Scharnhorst. “I pazienti sono spesso molto malati e prima si inizia il trattamento, meglio è.

READ  Una borsa di studio di 245.000 euro per un ricercatore UMCG
Volcher Scharnhorst. Foto: Jeroen Abels/Van Asendelft Photography

Piano di trattamento in tre giorni

Grazie al nuovo esame del sangue, in molti casi è possibile farlo prima. Entro tre giorni vengono eseguiti tutti gli esami necessari e può essere redatto un piano di trattamento. La ricerca di Scharnhorst ha dimostrato che nel cinquanta per cento dei casi in cui è stata riscontrata una mutazione in una biopsia tumorale, è stata riscontrata anche nel sangue. Inoltre, grazie all’introduzione di un nuovo esame del sangue, il gruppo di ricerca ha scoperto che sono state rilevate ulteriori mutazioni: a volte la quantità di DNA delle cellule tumorali è molto diluita nel sangue. Se nel nostro test non viene trovata una mutazione, non significa che non ci siano mutazioni nel tumore. Il patologo può ancora eseguire il test del DNA sulla biopsia. Nei casi in cui riscontriamo una mutazione nel sangue, possiamo iniziare più rapidamente il trattamento più appropriato.

Stabilire cure di routine

Anche l’ospedale Sint Jans Gasthuis di Weert, l’ospedale Anna di Geldrop e il centro medico Máxima utilizzano il laboratorio dell’ospedale Catharina per eseguire il nuovo esame del sangue. Altri ospedali olandesi lavorano solo con la ricerca relativa alle biopsie. “Ora ci sono un certo numero di ospedali che lo stanno configurando come assistenza di routine, proprio come noi. Richiede manodopera, conoscenze e attrezzature, ma puoi curare meglio i pazienti e troverai più mutazioni.”

Fonte: Ospedale Katarina, Foto: Jeroen Abels/Foto di Van Assendelft

Editoriale sui fatti medici / Janine Budding

Siamo specializzati in notizie interattive per gli operatori sanitari, in modo che gli operatori sanitari siano informati ogni giorno sulle notizie che potrebbero essere rilevanti per loro. Entrambi presentano storie e notizie specifiche per operatori sanitari e prescrittori. Social media, salute delle donne, tutela dei pazienti, empowerment dei pazienti, medicina personalizzata, assistenza sanitaria 2.0 e social sono alcuni dei punti chiave a cui dovrei prestare maggiore attenzione.

READ  Olio di CBD per adulti e bambini con esperienze e impatti di ADHD

Ho studiato fisioterapia e gestione aziendale sanitaria. Sono anche un difensore dei clienti indipendente registrato e un intermediario di sponsorizzazione informale. Ho molta esperienza in diverse posizioni nei settori sanitario, sociale, medico e farmaceutico a livello nazionale e internazionale. Ho una vasta conoscenza medica della maggior parte delle specialità sanitarie. e le leggi sanitarie in base alle quali l’assistenza sanitaria è regolata e finanziata. Ogni anno partecipo alla maggior parte delle principali conferenze mediche in Europa e in America per aggiornare le mie conoscenze e tenermi al passo con gli ultimi sviluppi e innovazioni. Attualmente sto conseguendo la laurea magistrale in psicologia applicata.

I miei messaggi su questo blog non riflettono la strategia, la politica o la direzione del mio datore di lavoro, né sono gestiti da o per un cliente o datore di lavoro.