QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Due ricchi russi stanno abbandonando la cittadinanza russa, ma la maggior parte degli oligarchi non abbandona Putin

Due ricchi russi stanno abbandonando la cittadinanza russa, ma la maggior parte degli oligarchi non abbandona Putin

La rivista economica ha riportato la decisione della coppia, che nel 2020 ha venduto la società di software per 5 miliardi di dollari. Forbes. Gli uomini d'affari sono stati per cinque anni, fino al 2021, nella lista di Forbes dei 200 russi più ricchi. Dopo la guerra in Ucraina, questo gruppo è stato bersaglio di sanzioni occidentali, inclusa la confisca dei suoi yacht.

Baranov, la cui fortuna è stimata dalla rivista Forbes in circa 770 milioni di dollari, ha annunciato l'anno scorso che avrebbe rinunciato alla cittadinanza. Questo è stato ora completato.

L'uomo d'affari ha criticato la guerra su LinkedIn. Ha detto che l'invasione gli ha causato “profonda sofferenza”. “Sono una persona riservata e non faccio mai commenti pubblici, soprattutto riguardo alla politica”, ha scritto Baranov. “Ho fatto una rara eccezione perché ero scioccato dall’operazione speciale russa”. Questo è il termine che la Russia usa per riferirsi all’invasione.

Timashev, il cui patrimonio è stimato a 680 milioni di dollari secondo Forbes, non ha commentato la sua mossa. La coppia ora è cittadina cipriota, ma gli imprenditori vivono da anni in Svizzera e negli Stati Uniti. Cipro è un luogo popolare tra i ricchi russi per nascondere i propri beni. L'anno scorso uno studio del gruppo di ricerca giornalistica internazionale ICIJ ha dimostrato che 67 dei 105 miliardari russi inclusi nella lista delle persone più ricche stilata da Forbes erano attivi a Cipro.

READ  Ucraina. Entro la fine di quest'anno l'Unione Europea sarà in grado di produrre 1,3 milioni di proiettili. • “La Russia vuole lanciare un attacco su larga scala quest'estate”.

Distanza da Putin

Gli oligarchi hanno utilizzato le società finanziarie dell'isola per nascondere l'entità della loro ricchezza ed evitare le sanzioni occidentali. Poco dopo l’invasione russa, più di cinquanta miliardari russi furono soggetti a sanzioni internazionali. Di questi, 25 erano clienti di società cipriote. Si sono rifugiati sull’isola dopo l’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014, quando l’Occidente ha imposto sanzioni anche a Mosca e agli oligarchi russi.

Il numero dei ricchi russi sottoposti a sanzioni dopo la guerra in Ucraina è salito a più di un centinaio. Oltre alla confisca dei loro yacht e delle loro case, sono anche soggetti a restrizioni di viaggio e al congelamento dei loro conti bancari. Anche se nove ricchi russi hanno osato consegnare i loro passaporti, le sanzioni non hanno portato gli oligarchi a prendere le distanze dal presidente Vladimir Putin.

Una delle persone più famose che finora ha osato farlo è il banchiere Oleg Tinkov, la cui ricchezza è stimata in circa 4,7 miliardi di dollari. Il fondatore della Tinkoff Bank, uno dei maggiori istituti di credito russi, ha annunciato di aver rinunciato alla cittadinanza otto mesi dopo l'invasione. Quindi Tinkov, che ha registrato la sua società madre a Cipro, ha attaccato Putin.