QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“È ancora interessante?”: Tedeschi comuni su Hitler

“È ancora interessante?”: Tedeschi comuni su Hitler

Hai visto Hitler? E Lo sai? Scritto da Walter Kempowski Pubblicato nel 1973 e nel 1979. Queste furono le due domande che pose ai tedeschi comuni dopo la guerra. Le dichiarazioni dei testimoni sono state ora raccolte in un unico volume.

Martin Mall

La prima reazione è la negazione. “No, non ho visto Hitler. “Sono stato in testa per tutto quel tempo.”

Come se questo comprasse anche una sorta di debito. Perché non vederlo ti dà l’opportunità di prendere le distanze da lui e di spostare la responsabilità.

Hai visto Hitler? Questa è la domanda che lo scrittore tedesco Walter Kempowski ha posto a “circa 500 tedeschi dell’ovest, amici, familiari, colleghi, curatori di musei, commercianti e anziani”.

Inizialmente lo ha fatto durante la fase di ricerca del suo romanzo Lupo di Tadeluser (1971). Ma poiché Kempowski ha notato che le risposte “potrebbero essere di interesse generale”, le ha inserite nel libro Pensi che Hitler si sentirebbe insultato? (Hai visto Hitler?) che apparirà nel 1973.

L’uomo che è stato in prima linea per tutto questo tempo è stato uno scrittore nato nel 1921. È il primo ad essere introdotto nel primo capitolo dove nessuno ha ancora visto Hitler. Nel secondo atto, tutti l’hanno visto e sanno praticamente che tipo di carne hanno in serbo.

Questi due capitoli, che sono stati manipolati per rendere le cose più vivaci, sono ambientati prima della presa del potere da parte di Hitler nel 1933. Kempowski poi modifica le risposte in modo tale che seguano cronologicamente Hitler.

Sostenitori di Hitler e Beate, dopo la sua nomina a Cancelliere nel 1933.Archivio immagini Pittman

Interrogare la gente su Hitler è rischioso. Questo è il motivo per cui Kempowski non chiede: “Cosa pensi di Hitler?”, ma piuttosto: “Hai visto Hitler?” Nelle risposte alla prima domanda, le sfumature e i complimenti saranno meno chiari.

READ  Che emozione: Hamilton mette fuori gioco Verstappen nel primo giro e poi vince anche dopo un finale da brividi | Formula 1 a Silverstone

O come dice Sebastian Haffner, scrittore e biografo di Hitler (1907-1999), in un’ampia nota a piè di pagina intitolata “I tedeschi e Hitler”: “Perché se chiedessi direttamente alla gente cosa pensavano di Hitler, la loro opinione di allora e quella di di oggi, potrebbe essere ancora Si scherza molto, il dribbling intelligente di Kempowski è ancora più fruttuoso.

“Hitler”, rispose un impiegato d’azienda nato nel 1929, “è ancora interessante?” SÌ. Perché dico, in modo un po’ pedante, che si possono imparare delle lezioni. o no. Le risposte saranno molto diverse da quelle di un futuro libro intitolato Hai visto Putin?

Non convincente

Entusiasmo, apatia, orrore, incredulità e sconcerto si intrecciano in queste intriganti e franche testimonianze oculari. Ci ricorda i bellissimi libri scritti dalla vincitrice bielorussa del premio Nobel Svetlana Alexievich sui punti di riferimento della storia russa. Non scriverlo, ma lascialo descrivere. Diretto, difficile, poco convincente.

Anche nella seconda parte del libro di Kempowski: Lo sai? (Desideri un Davon Geosit?, pubblicato nel 1979), tutti quei sentimenti ritornano. Sorprendentemente Kempowski, che ha fatto riferimento all’esistenza dei campi di concentramento, raramente ha ricevuto la risposta “Non ne abbiamo mai saputo nulla”. Anche qui il primo “No!”

Molte delle risposte in questa parte sono tanto più toccanti, perché l’impensabile e la morte sono così comuni. L’aspetto positivo di questi “libri investigativi”, come li chiama Kempowski, è che non viene espresso alcun giudizio sulle persone che si giudicano e si condannano. I libri sono un “accompagnamento corale” alla storia della Germania di Hitler. Eccezionale.

Walter Kempowski, Hai visto Hitler?, casa editrice Alphabet, 336 pagine, € 24,99.  Tradotto da: Gerrit Bussink e Isaac Hillhorst.  Immagine di un camper

Walter Kempowski, Hai visto Hitler?, casa editrice Alphabet, 336 pagine, € 24,99. Tradotto da: Gerrit Bussink e Isaac Hillhorst.Immagine di un camper