QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Undici ufficiali messicani condannati per massacro al confine con gli Stati Uniti |  al di fuori

Undici ufficiali messicani condannati per massacro al confine con gli Stati Uniti | al di fuori

Il giudice ha ritenuto provato che gli agenti abbiano sparato a diciannove persone nel 2021 nella città di Camargo, nello stato settentrionale di Tamaulipas, al confine del Messico con gli Stati Uniti. Poi hanno dato fuoco ai loro corpi e hanno mentito sul loro coinvolgimento. La maggior parte delle vittime erano cittadini guatemaltechi.

Il massacro di Camargo è stato uno dei peggiori omicidi di massa di migranti avvenuti in Messico negli ultimi anni. El Pais conferma che la differenza rispetto ad altri omicidi di massa è che gli autori questa volta erano agenti di polizia, che hanno mentito alle autorità. Una di queste bugie è che i corpi erano già bruciati quando furono ritrovati. Il giudice li ha giudicati colpevoli di omicidio, abuso di potere e reati commessi nell’esercizio di funzioni amministrative. La sentenza non è stata ancora pronunciata.

Le bugie degli agenti condannati sono state smascherate dalle dichiarazioni di un altro agente di polizia, Ismael Vasquez, che ha partecipato all’operazione che ha posto fine alla vita dei migranti. Dapprima si dichiarò d’accordo con il racconto dei colleghi, finché non cambiò idea e disse alle autorità che non era vero che i corpi fossero stati ritrovati: erano stati piuttosto i suoi compagni ad ucciderli e bruciarne i corpi.

READ  La Cina pianifica una no-fly zone vicino a Taiwan dopo giorni di esercitazioni militari | al di fuori