QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

È morto all'età di 86 anni il figlio dell'ultimo re d'Italia, Vittorio Emanuele |  Proprietà

È morto all'età di 86 anni il figlio dell'ultimo re d'Italia, Vittorio Emanuele | Proprietà

ProprietàÈ morto all'età di 86 anni il figlio dell'ultimo re d'Italia. “Sua Altezza Reale Vittorio Emanuele, Duca di Savoia e Principe di Napoli, si è spento serenamente sabato mattina, circondato dalla sua famiglia”, si legge nella nota. “Il luogo e la data del funerale non sono ancora noti.”

Vittorio Emanuele era figlio dell'ultimo re d'Italia, Umberto II. Ma nel 1946 il popolo italiano votò contro la monarchia. Umberto e la sua famiglia furono esiliati dalla regione. Umberto II muore in esilio in Svizzera nel 1983. Vittorio Emanuele diventa così il nuovo capofamiglia. Il divieto nei confronti dell'Italia è stato revocato dal 2002, ma Vittorio ha trascorso la maggior parte del suo tempo in Svizzera. Ha continuato a cercare di riconquistare i suoi diritti reali. Nel 2022 ha presentato un'altra richiesta formale per la restituzione dei gioielli della corona.

colpo mortale

Ma anche il capofamiglia non era una tabula rasa. L'anno scorso si è espresso negativamente dopo il documentario rivelatore The King Who Never Was. La tedesca Birgit Hammer, vincitrice di Miss Germania 1976, parla dell'omicidio del fratello minore Dirk per mano di Vittorio Emanuele. Dopo la crescente frustrazione, Vittorio sparò. Alla fine un proiettile fatale colpì il diciannovenne Dirk e quello fu l’inizio di una lunga dura prova. Subito dopo l'incidente, la polizia ha arrestato Vittorio. Ha firmato una lettera in cui ammetteva di essere legalmente responsabile delle ferite di Dirk. Un giorno prima che il ragazzo morisse definitivamente, Vittorio fu rilasciato su cauzione. Il principe fuggì immediatamente in Svizzera, dove rimase a lungo fuori dalla portata della giustizia.

READ  I BV piangono la morte del dipendente della Mechels Productions: "Hai combattuto come il migliore"

Tredici anni dopo, sembrava che finalmente fosse stata fatta giustizia. Vittorio fu portato in tribunale in Francia, ma arrivò preparato. Il suo avvocato ha detto che sulla barca della vittima è stata ritrovata anche un'arma da fuoco, quindi non è affatto certo che sia stato il principe a sparare il colpo mortale. Inoltre, la lettera che aveva scritto dichiarando la sua colpevolezza nel caso scomparve improvvisamente, e il medico che inizialmente aveva in cura Dirk affermò di non aver trovato alcuna prova contro Vittorio. Alla fine Vittorio fu condannato per possesso illegale di armi. Fu rilasciato in quel momento per l'omicidio di Dirk.

Corruzione e tratta delle donne

Nel 2006 Vittorio fu nuovamente incarcerato. È stato accusato di estorsione, corruzione e traffico di donne. Una telecamera nascosta ha registrato come ha confessato a un compagno di prigionia di essere effettivamente colpevole nel caso dell'omicidio di Dirk. Ciò diede per un momento speranza a Suor Birgitte, ma Vittorio ancora una volta negò completamente di aver confessato. La corte ha seguito nuovamente l'esempio: il caso non è stato riaperto.

Anche il problema della corruzione non è riuscito a decollare. Nonostante Vittorio sia stato tenuto agli arresti domiciliari per un mese, alla fine è stato assolto.

Leggi anche

“L’ho tenuto tra le braccia per ore mentre sanguinava”: la vera storia dietro “Il re che non è mai esistito” (+)