QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

È sempre una buona idea proteggersi dalle zanzare.

È sempre una buona idea proteggersi dalle zanzare.

In Europa, almeno nove persone sono morte quest’anno dopo aver contratto il virus del Nilo occidentale. Il riscaldamento globale facilita la diffusione del virus da parte delle zanzare, anche se il virologo Johan Nietz (Università di Leuven) sottolinea che solo una minoranza mostra sintomi.

Paolo Nutters

Cos’è il virus del Nilo occidentale?

“Si tratta di un virus per il quale gli uccelli sono l’ospite naturale e si diffondono attraverso le zanzare. Anche gli esseri umani e i cavalli sono ospiti, ma non contribuiscono realmente alla diffusione della malattia. Il virus è stato identificato per la prima volta in Uganda e circolava principalmente in alcune parti del Africa fino agli anni 50. Nel 1999, un’improvvisa epidemia della malattia si verificò a New York e si diffuse nel resto degli Stati Uniti e in Canada.Questa diffusione potrebbe essere avvenuta attraverso gli uccelli migratori.Il virus circola anche nell’Europa meridionale e centrale da anni.

“L’ottanta per cento delle persone infette non sviluppa mai sintomi, mentre altri sviluppano la febbre del Nilo occidentale dopo due-quattordici giorni. Possono poi sviluppare mal di testa, dolori muscolari e febbre, tra le altre cose. In circa 1 caso su 150, il virus colpisce anche il cervello , che porta alla meningite. Per un decimo dei pazienti con sintomi neurologici, l’esito è fatale.

Sei persone sono già morte di febbre del Nilo occidentale quest’estate in Italia e Ungheria. Il numero dei casi è in aumento?

E aggiunge: “Il virus si sta diffondendo, ma non credo che il numero dei contagi stia aumentando in modo allarmante. In Europa quest’anno sono state segnalate 125 infezioni, Italia e Grecia erano in testa. Poiché solo un quinto dei pazienti mostra sintomi, il totale sarà di seicento contagi.Forse è ancora una sottostima perché alcuni credono di avere solo la febbre e quindi non vanno mai dal medico.Nove persone sono già morte quest’anno di febbre del Nilo occidentale, secondo i dati pubblicati la settimana scorsa dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. Credo che quel numero, con i casi in Italia e Ungheria, sia ormai salito a una quindicina”.

Johan Neets: “I viaggiatori provenienti dall’Europa centrale o meridionale che improvvisamente sviluppano la febbre o si sentono male dovrebbero consultare un medico.”Scultura di Joris Kasir

Qual è l’effetto del riscaldamento globale sulla diffusione del virus?

“In un clima più caldo e umido, le zanzare possono riprodursi più facilmente e la trasmissione è più rapida. Questo è vero per tutti i virus diffusi dalle zanzare. Ma se si osserva la situazione negli Stati Uniti dal 1999, si può vedere che il rapido e È possibile che lì si sia verificata un’epidemia esplosiva senza che le condizioni climatiche siano ideali per l’emergenza del virus. Il riscaldamento climatico potrebbe non essere un fattore decisivo nello sviluppo della febbre del Nilo occidentale. Ma non si può nemmeno escludere che emergano ulteriori problemi con l’aumento delle temperature nelle nostre regioni.

Cosa possono fare i vacanzieri per proteggersi dal virus?

“Penso che sia sempre una buona idea proteggersi dalle punture di zanzara. I viaggiatori dell’Europa centrale o meridionale che improvvisamente sviluppano la febbre o si sentono male dovrebbero consultare un medico. Le persone che sviluppano sintomi neurologici dovrebbero consultare immediatamente un medico. Ma tutto sommato , Non penso che le persone debbano stare sveglie se vanno in vacanza in Italia, per esempio.

Come si presenta il trattamento della febbre del Nilo occidentale?

“Per i casi lievi, saranno sufficienti i farmaci convenzionali contro la febbre e il dolore, ma non sono disponibili antivirali. Ciò di cui abbiamo effettivamente bisogno è un interferone che funzioni contro il virus del Nilo occidentale e altri flavivirus come la dengue, lo zika e l’encefalite trasmessa dalle zecche. è un vaccino per prevenire l’infezione. Si sta facendo ricerca in questo senso, ma questi vaccini sono ancora lontani dall’essere disponibili. Disponiamo già di vaccini efficaci contro alcuni di questi flavivirus: ad esempio, le persone potrebbero essere vaccinate contro l’encefalite trasmessa dalle zecche, che è il virus che le zecche si diffondono principalmente nelle regioni alpine a 1000 metri di altitudine e in Scandinavia.

READ  Terrorizzato dagli aghi: è importante uscire