QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“È stato un attacco terroristico”

“È stato un attacco terroristico”

Un gruppo non identificato che indossava equipaggiamento militare è entrato nel nord del Kosovo e ha avuto uno scontro a fuoco con la polizia. Si tratta di trenta uomini armati che si sono barricati in un monastero e sono stati circondati dalla polizia. Secondo un precedente rapporto della polizia, tre uomini sono stati uccisi e altri quattro sono stati arrestati. È stato ucciso anche un ufficiale.

I disordini sono iniziati ieri prima dell’alba, quando un agente di polizia che pattugliava vicino al confine con la Serbia è stato ucciso in un attacco alla sua unità. La polizia ha detto: “La pattuglia è stata attaccata da diversi punti con armi pesanti, comprese granate”.

“Sostegno da Belgrado”

In una conferenza stampa, il primo ministro Albin Kurti ha mostrato foto che mostravano diversi uomini che indossavano uniformi militari e portavano armi in quello che ha definito un “monastero”. Kurti in precedenza aveva parlato sui social media di un “attacco terroristico”. “La criminalità organizzata sta attaccando il nostro Paese, con il sostegno finanziario e logistico delle autorità di Belgrado”, ha detto Kurti.

Il Kosovo settentrionale, dove si concentra la minoranza serba di circa 120.000 persone, è oggi teatro di prolungati disordini. La situazione si è aggravata a maggio, quando il governo del Kosovo ha nominato quattro sindaci albanesi per i comuni a maggioranza serba. Più di 30 soldati della missione di mantenimento della pace della NATO a Kvur sono rimasti feriti durante gli scontri con i manifestanti serbi.

READ  Temperature superiori ai 30 gradi in Francia nei prossimi giorni, con anche un tempo eccezionale: "Ma all'inizio di novembre farà molto più freddo"