QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli architetti esultano in vista delle elezioni

Gli architetti esultano in vista delle elezioni

Kortrijk – Da una migliore politica dei permessi a una maggiore protezione dei consumatori: le organizzazioni architettoniche belghe chiedono un piano d'azione comune per adottare misure più decisive per rendere lo sviluppo territoriale e il portafoglio edilizio esistente più sostenibili a un ritmo rapido. “L’urgenza degli obiettivi climatici ci impone di agire uniti”, affermano gli architetti.

Il settore architettonico propone 5 misure specifiche:

1. Tutela efficace del consumatore nel settore edile

Il piano aziendale vuole una maggiore tutela per i consumatori. “Oggi chi si avvale solo di un appaltatore per il proprio progetto può ritenere responsabile solo quell'appaltatore per eventuali danni all'edificio. Tuttavia, gli architetti sono tenuti a stipulare un'assicurazione di responsabilità civile per tutte le fasi di tutti i progetti. È necessario dividere le responsabilità in modo più equo. principalmente per proteggere Inoltre, è necessaria una piattaforma in cui i consumatori possano verificare se un appaltatore è registrato, assicurato e autorizzato a fornire i propri servizi”, afferma Dag Boutsen (System Architects).

2. Riforma globale delle norme sull'imposta sul valore aggiunto

Per raggiungere gli obiettivi climatici, tutti devono fare uno sforzo e i consumatori devono essere maggiormente incoraggiati a ristrutturare le loro case in modo sostenibile. Le organizzazioni architettoniche belghe sottolineano che le attuali aliquote IVA per la costruzione e la ristrutturazione non sono progettate per soddisfare le esigenze sociali e quindi hanno un effetto disincentivante.

“Ad esempio, la distinzione tra demolizione e ricostruzione da un lato e ristrutturazione dall’altro è una costruzione giuridica puramente finanziaria che incoraggia solo parzialmente la costruzione circolare. Ad esempio, la finitura di lusso di un appartamento ristrutturato è soggetta ad un’aliquota IVA ridotta. mentre i consigli dell'architetto e del corrispondente EPB per la ristrutturazione di una casa a schiera non sono soggetti a Inoltre, le regole sono inutilmente complesse, portando ad ambiguità, zone grigie e incertezza giuridica”, afferma Stephen Llano (NAV).

READ  Dying Light 2: "500 ore necessarie per completare il gioco"

Gli ingegneri belgi chiedono quindi una riforma globale dell'IVA. “I progetti di ricostruzione e ristrutturazione dovrebbero essere tassati allo stesso modo e dovrebbe essere fissata anche la differenza tra IVA sul lavoro (6%) e IVA sui servizi (21%)”. Quindi niente più taglia e incolla. “Ciò aggiunge ulteriore complessità e ostacola solo la sostenibilità del nostro patrimonio”.

3. Migliore organizzazione delle gare

È inoltre necessaria una migliore regolamentazione delle procedure di gara. Questo è uno degli strumenti attraverso i quali i governi possono accelerare le procedure di costruzione. “Nella maggior parte degli appalti governativi, il progetto è già richiesto durante la fase di gara, il che significa che gli architetti devono implementare il 15-20% del contratto totale prima che venga assegnato. Se non lo realizzano, dovranno sostenere tutti questi costi gratuitamente.” Ciò non solo è dispendioso in termini di tempo e denaro, ma spesso non porta alla progettazione migliore perché in quella fase iniziale non c'è quasi alcuna interazione tra architetti e clienti”, spiega Dirk Deherde (Gruppo dei Trenta).

Pertanto, le procedure di gara dovrebbero concentrarsi non solo sulla progettazione, ma anche sui progettisti. “Se viene richiesta una progettazione, ci deve essere una giusta compensazione: l'80% dei costi sostenuti. Inoltre, la produzione prevista deve essere limitata aumentando le aspettative nelle procedure di gara.

4. Stimolare l'innovazione

Anche gli architetti belgi chiedono maggiore innovazione. Se rimaniamo sui sentieri battuti, non possiamo fornire la risposta migliore a sfide quali la trasformazione degli edifici, la densificazione spaziale, il rafforzamento dei nuclei centrali e la necessità di rendere gli edifici più efficienti dal punto di vista energetico. “Ecco perché i governi devono investire di più nella ricerca e nella sperimentazione di design intersettoriale, con regolamenti e leggi che lo rendano possibile. “Come settore, vorremmo rivolgerci a tutte le istituzioni e mettere a disposizione la nostra conoscenza ed esperienza per trovare soluzioni per un ambiente di vita più sostenibile e inclusivo”, afferma Olivier Bastin (FAB).

READ  Polar Vantage V3

5. Migliore politica dei permessi (efficienza regionale)

Ultimo ma non meno importante, esiste ancora il problema della lentezza delle licenze. Il processo di autorizzazione è attualmente così inefficiente e lento che gli investitori dubitano di voler ancora avviare progetti in Belgio. Ciò deve cambiare e le organizzazioni architettoniche vedono un ruolo chiave per le autorità regionali e anche locali in questa materia. “Richiedendo alle città e ai comuni di sviluppare una chiara visione spaziale e di creare maggiori opportunità di densificazione, la crescente domanda di posti di lavoro nell’edilizia può essere soddisfatta con un impatto potenziale limitato sull’uso dello spazio”, afferma Jos Lessens (System Architects).

Conclusione finale

Inoltre, il governo può sostenere e mitigare meglio i servizi ambientali locali. “La 'Guida alla consultazione iniziale', che contiene suggerimenti su come ottenere più rapidamente un'autorizzazione ambientale, è già un passo nella giusta direzione, ma bisogna anche avere il coraggio di modificarla dopo qualche anno. Vogliamo anche avere accesso a una piattaforma”, si legge nella lettera. Informazioni immobiliari fiamminghe, perché contiene molte informazioni che interessano anche a noi.”