QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli editori stipulano accordi con ChatGPT, senza il permesso dei dipendenti

Gli editori stipulano accordi con ChatGPT, senza il permesso dei dipendenti

La formazione dell’intelligenza artificiale è una storia complessa. L’intelligenza artificiale ha bisogno di formazione per migliorare, ma molte persone non vogliono che i loro contenuti vengano utilizzati per quello scopo. Dopotutto, in alcuni casi, è anche l’intelligenza artificiale a garantire loro meno lavoro. Ad esempio, anche gli artisti digitali hanno detto lo stesso di Dall-E. I principali editori statunitensi Vox e The Atlantic hanno fatto arrabbiare i propri dipendenti stringendo un accordo con ChatGPT per utilizzare il contenuto del suo libro per addestrare uno strumento di intelligenza artificiale.

Molti sindacati dei dipendenti si sono già pronunciati su questo tema e hanno dichiarato di considerare la questione preoccupante e di essere preoccupati. Il fatto che la direzione non abbia detto nulla al riguardo è particolarmente fastidioso. Anche una volta che la cosa si è venuta a sapere, i dipendenti hanno dovuto sentirla dall’esterno e anche la direzione li ha mandati di colonna in posta.

Formazione sull’intelligenza artificiale

Dipende dal contratto che i giornalisti hanno con i loro datori di lavoro, ma spesso il lavoro che scrivi per un organo di stampa è affiliato a quell’editore e in molti casi afferma che possono utilizzare il tuo lavoro per la pubblicazione online e cartacea, ad esempio. Ciò che però di solito non è previsto in un contratto del genere è che potete utilizzare la vostra attività anche per addestrare l’intelligenza artificiale. Dopotutto, l’intelligenza artificiale è ancora una novità. È strano, quindi, che un editore faccia questo, soprattutto all’insaputa degli autori di questi articoli.

Inoltre, un accordo del genere avrebbe probabilmente anche un aspetto che inciderebbe sul reporting, ovvero che uno dei più grandi siti tecnologici al mondo è sotto la supervisione dell’editore Vox: The Verge. Può ancora fornire report affidabili se vengono stipulati accordi con OpenAI, il creatore di ChatGPT? Alcuni giornalisti hanno persino pubblicato articoli online sull’accordo, come Damon Pires, redattore senior di The Atlantic: L’affare del diavolo Con gli occhi aperti. Lo descrive come un patto con il diavolo ed è preoccupato per la diffusione della disinformazione, soprattutto in un momento in cui le case editrici hanno licenziato molti scrittori. Sarebbe un male per la qualità degli articoli.

READ  Le auto elettriche possono perdere l’8% della loro autonomia ogni anno

Panoramica sull’intelligenza artificiale

Inoltre, non sono solo i chatbot basati sull’intelligenza artificiale a rappresentare un problema. Google ha recentemente fornito una panoramica dell’intelligenza artificiale. In una ricerca su Google, otterrai spesso una risposta alla tua domanda, in base ai siti web. Viene menzionata la fonte, ma perché qualcuno dovrebbe fare clic se la risposta è già visualizzata in Google stesso dall’intelligenza artificiale? Molti scrittori prevedono che ciò non porterà benefici a Internet come fa attualmente. La panoramica AI è attualmente disponibile solo negli Stati Uniti.

Mentre nel 2023 ci concentreremo principalmente sull’intelligenza artificiale, quest’anno sembra diventare sempre più chiaro che avrà rapidamente conseguenze disastrose che non saranno ugualmente positive per tutti.

Scopri di più sull’intelligenza artificiale e rimani informato con la newsletter Bright.